International Newspaper

Conferenza stampa di Jens Stoltenberg a seguito della Riunione Straordinaria dei Ministri della Difesa della NATO

16 Marzo 2022 ore 18.09

La NATO sta rispondendo a questa crisi con velocità e unità. E la prossima settimana, i capi di Stato e di governo alleati si incontreranno per un vertice straordinario della NATO. Affronteremo sia la nostra risposta immediata. E i cambiamenti che dobbiamo apportare per la nostra sicurezza a lungo termine. Mosca non dovrebbe avere dubbi. La NATO non tollererà alcun attacco alla sovranità alleata o all’integrità territoriale…

Jens Stoltenberg ha presenziato alla conferenza stampa indetta dopo la riunione straordinaria dei ministri della difesa della NATO per spiegare di cosa hanno discusso e le decisioni prese.

Conferenza stampa

Buon pomeriggio.

Abbiamo appena terminato una riunione straordinaria dei Ministri della Difesa della NATO, incentrata sulle conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina.

Press conference by NATO Secretary General Jens Stoltenberg ahead of the Extraordinary meeting of NATO Ministers of Defence in Brussels on 16 March copyright NATO

Abbiamo indirizzato il nostro sostegno all’Ucraina; i pesanti costi che stiamo imponendo alla Russia e il lavoro della NATO per rafforzare le nostre difese, ora e per gli anni a venire.
I nostri stretti partner Finlandia, Svezia e Georgia e l’Unione Europea si sono uniti a noi per la prima sessione.

E il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha descritto in parole povere la morte e la distruzione causate dalla guerra del presidente Putin, la decisa resistenza degli ucraini contro l’invasione e l’importanza del nostro continuo sostegno.

Abbiamo tutti reso omaggio al coraggio del popolo ucraino e delle forze armate ucraine.

Gli alleati ei partner della NATO hanno sostenuto l’Ucraina con attrezzature e addestramento per molti anni.
Stiamo aiutando l’Ucraina a difendere il suo diritto fondamentale all’autodifesa, alla libertà e alla democrazia con una quantità significativa di equipaggiamento militare fondamentale.

Oggi i ministri hanno convenuto che dobbiamo continuare a fornire un sostegno significativo all’Ucraina.

Compresi forniture militari, aiuti finanziari e aiuti umanitari. Anche gli alleati ei partner della NATO ospitano milioni di rifugiati ucraini.

Il forte monito a Putin

Il presidente Putin deve fermare la guerra. Subito. Ritira le sue forze. Adesso. E impegnarsi nella diplomazia. In buona fede.

La NATO sta rispondendo a questa crisi con velocità e unità. E la prossima settimana, i capi di Stato e di governo alleati si incontreranno per un vertice straordinario della NATO.

Affronteremo sia la nostra risposta immediata. E i cambiamenti che dobbiamo apportare per la nostra sicurezza a lungo termine.

Mosca non dovrebbe avere dubbi. La NATO non tollererà alcun attacco alla sovranità alleata o all’integrità territoriale.

Il dispiegamento sempre crescente militare

Abbiamo già attivato i nostri piani di difesa per proteggere l’Alleanza. Aumentata la nostra prontezza. E abbiamo schierato truppe da entrambe le sponde dell’Atlantico.

Ora ci sono centinaia di migliaia di forze in stato di allerta maggiore in tutta l’Alleanza. Centomila soldati americani in Europa.

Statements by NATO Secretary General Jens Stoltenberg and US Secretary of Defense Lloyd J. Austin III at the start of the Extraordinary meeting of NATO Ministers of Defence

E circa 40.000 soldati sotto il comando diretto della NATO, per lo più nella parte orientale dell’Alleanza.

Sostenuto dalle maggiori potenze navali e aeree. Così come le difese aeree.

Ma affrontiamo una nuova realtà per la nostra sicurezza. Quindi dobbiamo ripristinare la nostra difesa collettiva e deterrenza a lungo termine.

Oggi abbiamo incaricato i nostri comandanti militari di sviluppare opzioni in tutti i domini. Terra, aria, mare, cyber e spazio.

A terra, la nostra nuova posizione dovrebbe includere sostanzialmente più forze nella parte orientale dell’Alleanza, a maggiore prontezza. Con attrezzature e forniture più pre-posizionate.

Nell’aria, più potenza aerea alleata. E rafforzata la difesa aerea e missilistica integrata.

In mare, gruppi d’attacco di portaerei, sottomarini e un numero significativo di navi da combattimento su base persistente.

Considereremo anche il futuro delle nostre difese informatiche. E il modo migliore per attingere alle risorse spaziali alleate.

Dovremmo anche allenarci ed esercitarci più spesso e in numero maggiore.

Richiesta di grandi investimenti

Maggiori aumenti della nostra deterrenza e difesa richiederanno grandi investimenti.

Gli alleati devono investire almeno il 2% del PIL nella difesa.

E accolgo con favore che alleati come Germania e Danimarca abbiano già fatto annunci importanti su maggiori investimenti e calendari più rapidi.

Dobbiamo anche spendere di più insieme.

Il finanziamento comune della NATO è il fattore essenziale che ci consente di lavorare insieme. È un moltiplicatore di forza per gli sforzi di difesa nazionale. E mostra solidarietà come alleati.

In questo momento critico per la nostra sicurezza, l’unità tra il Nord America e l’Europa nella NATO è più importante che mai.

E con questo, sono pronto a rispondere alle tue domande.

La No Fly zone richiesta da Zelenskyy e l’adesione dell’Ucraina

Jonathan Beale (BBC): Grazie, Segretario Generale. Posso solo chiedertelo, abbiamo sentito ancora una volta il presidente Zelensky che si rivolgeva al Congresso degli Stati Uniti chiedendo una no fly zone. Ci sono degli Alleati che ne hanno chiesto uno, anche se la decisione dell’Alleanza nel suo insieme non è di imporre uno?

Riunione Straordinaria dei Ministri della Difesa della NATO
16 marzo 2022 copyright NATO

C’è stata qualche discussione a riguardo? E la seconda domanda che ho riguarda solo l’Ucraina e la sua adesione alla NATO. Credi che l’Ucraina si sia raffreddata verso la sua visione dell’adesione alla NATO come strumento negoziale con la speranza di raggiungere alla fine una sorta di accordo con la Russia? Grazie mille.

Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg: gli alleati sono uniti sia nel fornire sostegno all’Ucraina, sia nel sostenere l’Ucraina nel sostenere il diritto all’autodifesa. Ma gli alleati sono uniti anche quando si tratta del fatto che la NATO non dovrebbe schierare forze a terra o nello spazio aereo dell’Ucraina. Perché abbiamo la responsabilità di garantire che questo conflitto, questa guerra, non si intensifichi oltre l’Ucraina.

Vediamo la morte, vediamo la distruzione, vediamo la sofferenza umana in Ucraina. Ma questo può peggiorare ulteriormente se la NATO ha intrapreso azioni che l’hanno effettivamente trasformata in una vera e propria guerra tra NATO e Russia. Quindi gli alleati sono uniti quando si tratta della questione di come fornire sostegno all’Ucraina. I ministri hanno affrontato questo problema oggi, hanno rafforzato il messaggio dell’importanza di fornire supporto con equipaggiamento, equipaggiamento avanzato, sistemi di difesa aerea, armi anticarro e molti altri tipi di supporto, ma nessun dispiegamento NATO di capacità aeree o terrestri in Ucraina e questo è il posizione unita dagli alleati della NATO.

Quindi, il messaggio all’Ucraina è lo stesso che è stato per anni: che l’Ucraina è una nazione sovrana e indipendente. Ha il diritto di scegliere la propria strada e rispettiamo le decisioni prese dal governo democratico eletto dall’Ucraina. Quindi sta a loro decidere se aspirare all’adesione alla NATO o meno. E poi spetta a 30 alleati decidere su tale questione, non alla Russia cercare di porre il veto a tale processo.

Il ruolo dell’Italia

Marilu Lucrezio (RAI TV): Può commentare il ruolo dell’Italia in questa crisi attuale? E buon compleanno per oggi!
Segretario generale della NATO: grazie. Vorrei tanto commentare il ruolo dell’Italia. L’Italia è un alleato della NATO molto apprezzato e un membro fondatore, e l’Italia sta contribuendo alla nostra difesa collettiva in molti modi diversi. Sono stato di recente in Romania, ho incontrato piloti italiani, che stanno aiutando lì a mantenere sicuro lo spazio aereo della NATO. E mostrano davvero impegno e forza nei loro contributi a diverse missioni e operazioni della NATO, incluso in Kosovo, dove l’Italia è un alleato chiave da molti, molti anni.

Il ruolo dei comandanti militari

Lorne Cook (AP): Potrebbe dirmi qualcosa in più sul compito che ha assegnato ai comandanti della NATO, cosa potrebbe comportare e stiamo guardando avanti di un anno o stiamo parlando di un decennio, qualcosa di più lungo? E tu usi anche la parola persistente, mi chiedo cosa significhi? Perché non diresti permanente, su base permanente?

Segretario generale della NATO: Questo è il modo in cui prendiamo questo tipo di decisioni nella NATO è che i politici stabiliscono le linee guida, la direzione, quindi incarichiamo i nostri comandanti militari di dare consigli su come seguire, e poi prendiamo la decisione finale decisioni come politici sulla base di questo consiglio e input dei nostri comandanti militari.

Questo è stato esattamente lo stesso che abbiamo fatto nel 2016 quando abbiamo tenuto il vertice di Varsavia e abbiamo preso decisioni storiche per la prima volta nella nostra storia dispiegare truppe da combattimento della NATO nella parte orientale dell’Alleanza. Bisogna ricordare che prima dell’Ucraina, anche prima dell’annessione illegale della Crimea nel 2014 da parte della Russia, la NATO non aveva truppe da combattimento nella parte orientale dell’Alleanza. Poi abbiamo avuto l’annessione illegale della Crimea. E dal 2014 abbiamo implementato il più grande rafforzamento della nostra difesa collettiva dalla fine della Guerra Fredda, triplicando le dimensioni della Forza di risposta della NATO, stabilendo i gruppi di battaglia nei paesi baltici e in Polonia, più presenza nell’aria, in mare e ovviamente ha anche iniziato a investire di più, aumentando la spesa per la difesa. Quindi il

Riunione Straordinaria dei Ministri della Difesa della NATO
16 marzo 2022 copyright NATO

processo è stato lo stesso: i politici hanno incaricato i comandanti, hanno fornito consigli e sulla base di ciò abbiamo sviluppato le conclusioni finali che i capi di stato e di governo alleati hanno tratto al vertice del 2016. E da allora, l’abbiamo implementato.

Prevedo un processo simile ora. Abbiamo incaricato i comandanti militari, avremo i loro consigli entro poche settimane. E poi la mia ambizione è che i capi di Stato e di governo, quando si incontreranno alla fine di giugno, possano prendere decisioni su una presenza significativamente maggiore, rafforzando la nostra deterrenza e difesa a terra, in mare e nell’aria. Naturalmente, questo dipenderà dall’input che riceviamo dai comandanti, ma ovviamente, alla fine, deve essere una decisione politica dei leader. Quindi la decisione che prevedo entro mesi, ovvero entro il vertice di giugno, quindi l’attuazione ovviamente varierà leggermente a seconda delle conversazioni che intendi fare.

La sopravvalutazione del potere della Russia da parte della NATO

Dmytro Shkurko (Agenzia nazionale di stampa dell’Ucraina): nei negoziati con la Russia c’è un altro fattore importante. Secondo i dati diffusi oggi dallo Stato Maggiore dell’Ucraina, circa il 40% delle forze d’invasione già perse dai russi in equipaggiamento e manodopera. La NATO potrebbe confermarlo? E per questo motivo ci poniamo domande ovvie; la minaccia che la Russia rappresenta per l’escalation della NATO è un po’ sopravvalutata dai paesi della NATO? Grazie.

Segretario generale della NATO: il presidente Putin ha totalmente sottovalutato la forza delle forze armate ucraine. Il presidente Putin ha sottovalutato l’unità del popolo ucraino e il coraggio del popolo ucraino e della leadership ucraina. E questo, combinato con il massiccio sostegno che le forze armate ucraine stanno ricevendo e che effettivamente hanno ricevuto dai paesi alleati della NATO per molti anni, hanno costretto il presidente Putin a cambiare posizione e a rendersi conto che questa rapida vittoria, questa guerra lampo; prendere il controllo di Kiev in pochi giorni, ha effettivamente fallito.

Ma non dobbiamo sottovalutare le capacità della Russia quando si tratta di continuare la guerra e anche di continuare ad attaccare, comprese le città. Abbiamo visto come la Russia sia stata responsabile della stessa guerra brutale, sia in Cecenia, ma anche in Siria. Naturalmente, anche se hanno commesso gravi errori, la Russia mantiene una grande capacità di forze armate convenzionali.

Il presidente Putin ha anche usato, anche loro, la retorica nucleare. La Russia è una potenza nucleare e abbiamo visto come hanno intensificato la retorica nucleare che minaccia sia gli alleati della NATO che l’Ucraina. Penso che non dobbiamo sottovalutare i pericoli legati alle capacità militari della Russia, inclusa la volontà di usare effettivamente la forza e l’impulso di devastazione e distruzione sugli altri.

La Russia può vincere questa guerra

James Bays (Al Jazeera): Segretario Generale, siamo in questo conflitto da 21 giorni. Sulla base delle prestazioni militari della Russia finora e della tua attuale intelligence, la Russia può vincere questa guerra?

Segretario generale della NATO: Penso che dovremmo tutti stare attenti a speculare troppo. Quello che abbiamo visto è la forza, la forza, il coraggio e le capacità delle forze armate ucraine, che ha impressionato il mondo intero. Che è stato in grado di rallentare per combattere le forze russe invasori e rendo omaggio alle forze ucraine e al popolo ucraino per il modo in cui hanno saputo resistere all’invasione.

Ma allo stesso tempo, la Russia rimane una formidabile potenza militare. Hanno molti diversi tipi di armi, e quindi penso che sia troppo presto per speculare sul risultato. Quello di cui abbiamo bisogno è la Russia per fermare la guerra. Il presidente Putin a ritirare le sue truppe e poi a trovare una soluzione politica. Questo è quello che direi al riguardo.

Il vertice NATO di settimana prossima

Dominika Kosic (TV POLACCA): Vorrei tornare al vertice speciale della NATO la prossima settimana. Potrebbe dirci qual è il motivo speciale per organizzare il vertice, soprattutto dal momento che a giugno si è tenuto un vertice della NATO regolare? Quindi potresti dirci di più sul suo pensiero?

Riunione Straordinaria dei Ministri della Difesa della NATO
16 marzo 2022

Segretario generale della NATO: il presidente Putin ha sottovalutato l’Ucraina, il popolo ucraino e le forze armate dell’Ucraina e la leadership politica dell’Ucraina. Ma il presidente Putin ha anche sottovalutato la NATO, perché abbiamo reagito rapidamente e ci siamo uniti in un modo che ha imposto gravi costi alla Russia. Insieme ai partner; l’Unione Europea, gli alleati della NATO hanno imposto costi economici senza precedenti. Abbiamo fornito e continuato a fornire supporto essenziale alle forze armate ucraine. Gli alleati lo fanno ogni giorno e stiamo anche aumentando la presenza della NATO nella parte orientale dell’Alleanza.

L’obiettivo del presidente Putin era dividere la NATO. Quello che ottiene è una NATO più unita. Voleva in qualche modo minare la nazione ucraina, in realtà sta rafforzando l’unità dell’Ucraina e l’impegno nei confronti della nazione ucraina da parte del popolo ucraino. E poi voleva meno NATO ai suoi confini. Sta ottenendo più NATO ai suoi confini.

Per fare tutto questo, dobbiamo essere coordinati. Abbiamo bisogno di consultarci e quindi, il giorno dopo l’invasione, abbiamo tenuto un vertice NATO virtuale con tutti i leader della NATO, vertice NATO straordinario, e avremo un vertice NATO straordinario la prossima settimana, di persona qui a Bruxelles. Per continuare a garantire che siamo uniti, che siamo strettamente allineati e che agiamo insieme.

Sia quando si tratta di fornire supporto all’Ucraina, quando si tratta di coordinare i nostri sforzi, quando si tratta di imporre costi alla Russia, ma anche quando si tratta di prendere le decisioni necessarie per garantire che inviamo un messaggio chiaro alla Russia sulla nostra credibilità deterrenza e difesa. Sia a breve ma anche a lungo termine, anche avviando i lavori per ripristinare la deterrenza e la difesa della NATO.

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content