International Newspaper

Conferenza di Zhao Lijian riguardo ai biolab militari americani in Ucraina

16 Marzo 2022 ore 17.00

Secondo il diplomatico cinese, gli Stati Uniti dovrebbero smettere di “opporsi unilateralmente a un meccanismo di monitoraggio che funzioni in conformità con la Convenzione sulle armi biologiche e tossiche” Le autorità cinesi chiedono a Washington di assicurarsi che le attività dei biolab militari statunitensi siano completamente trasparenti, e a chiarire se stanno realmente preparando un attacco biochimico con l’Ucraina…

Zhao Lijian, ministero degli Esteri cinese, sostiene che gli Stati Uniti dovrebbero anche smettere di “opporsi unilateralmente a un meccanismo di monitoraggio che funzioni in conformità con la Convenzione sulle armi biologiche e tossiche”. Zhao Lijian ha sottolineato che questo è il modo in cui Washington “può aiutare a rafforzare la sicurezza globale”.

La Conferenza stampa

Le domande sui laboratori biologici americani vicini alla Russia e alla Cina

CCTV: Secondo i rapporti, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha detto a proposito dei laboratori biologici militari statunitensi, “Ci sono centinaia di tali laboratori, tra cui quasi 30 solo in Ucraina“, che rappresentano “pericoli gravissimi per la vita di un numero enorme di civili”. “E molti sono stati istituiti in un certo numero di paesi ex sovietici proprio lungo il perimetro dei confini della Russia, così come ai confini della Cina e ai confini degli altri paesi situati lì”. Ha aggiunto che la Russia chiederà che “questo problema sia considerato nel contesto degli impegni per tutti i paesi che partecipano alla Convenzione sulle armi biologiche e tossiche” e “raddoppierà e triplicherà i nostri sforzi per far sì che gli americani smettano di bloccare la nostra proposta … sulla necessità di istituire uno speciale meccanismo di verifica ai sensi di questa convenzione”. La parte cinese sostiene la richiesta della Russia?

Zhao Lijian, ministero degli Esteri cinese

Zhao Lijian: Abbiamo notato le osservazioni del ministro degli Esteri Sergey Lavrov. La sicurezza biologica riguarda l’interesse comune di tutta l’umanità. Gli Stati Uniti hanno l’obbligo di rispettare la Convenzione sulle armi biologiche (BWC) e di offrire chiarimenti su questioni di cui la comunità internazionale è preoccupata. In effetti, la comunità internazionale ha da tempo gravi preoccupazioni per le attività militari biologiche condotte dagli Stati Uniti in patria e all’estero. Non si tratta né di laboratori statunitensi solo in Ucraina né di un nuovo problema causato dalla situazione attuale.

Accogliamo con favore la valutazione congiunta della comunità internazionale dei documenti rivelati dalla Russia nel quadro del BWC e delle Nazioni Unite. Allo stesso tempo, anche i chiarimenti degli Stati Uniti saranno ascoltati in modo equo e giusto. La comunità internazionale può cogliere questo come un’opportunità per riavviare il processo negoziale per l’istituzione di un meccanismo di verifica. Ancora una volta, chiediamo agli Stati Uniti di cambiare la loro posizione di essere soli nell’opporsi all’istituzione di un tale meccanismo di verifica. Contribuirà a ripristinare la fiducia della comunità internazionale nell’adempimento degli obblighi internazionali da parte degli Stati Uniti e favorirà anche il miglioramento della biosicurezza globale.

- Advertisement -

style="display:block" data-ad-client="ca-pub-2198397516435303" data-ad-slot="1264294873" data-ad-format="auto" data-full-width-responsive="true">

Il problema sanzioni nei confronti della Cina

AFP: Secondo la lettura dell’appello del consigliere di Stato e ministro degli Esteri Wang Yi con il ministro degli Esteri spagnolo José Manuel Albares, la Cina non vuole essere colpita dalle sanzioni occidentali contro la Russia. Potresti fornire ulteriori dettagli su cosa significa “colpito” in questo contesto? Il ministro degli Esteri ha messo in guardia i paesi dall’imporre nuove sanzioni alla Cina? Stava dicendo che la Cina si oppone a qualsiasi effetto indiretto delle attuali sanzioni sulla propria economia o stava dicendo qualcos’altro?

Zhao Lijian: Abbiamo pubblicato la lettura pertinente. La posizione della Cina sull’opposizione alle sanzioni è chiara. Gli Stati Uniti ultimamente hanno fatto molte osservazioni provocatorie sulla Cina. Ad esempio, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che la Cina dovrà affrontare conseguenze significative se la Cina sosterrà l'”invasione” della Russia. Ha anche detto che Cina e Russia “rappresentano solo dal 15 al 20 per cento dell’economia mondiale. I paesi del G7 costituiscono oltre il 50 per cento. Quindi ci sono una serie di strumenti a nostra disposizione in coordinamento con i nostri partner europei se dovessimo usarli”.

Le osservazioni degli Stati Uniti riflettono bullismo e intimidazione sottilmente velati ed espongono la mentalità radicata a somma zero della Guerra Fredda e lo scontro di blocco. Rappresentano un altro prodotto della filosofia statunitense di fare le cose “da una posizione di forza”.

Sulla questione ucraina, la Cina ha espresso autonomamente il suo giudizio ed esposto la sua proposta sulla base dei meriti della questione in modo obiettivo e giusto. La Cina ha chiesto dialogo e negoziati, lavorando per la deescalation della situazione e proponendo l’iniziativa della Cina per risolvere l’attuale crisi. Qualsiasi disinformazione che respinga gli sforzi della Cina, travisa l’intenzione della Cina e fionda fango sulla Cina con bugie è irresponsabile e immorale.

Voglio ribadire che le sanzioni non sono mai mezzi efficaci per risolvere i problemi. La Cina si oppone a tutte le forme di sanzioni unilaterali e “giurisdizione a braccio lungo” da parte degli Stati Uniti. Difenderemo risolutamente i diritti e gli interessi legittimi delle aziende e degli individui cinesi. Impugnare il testimone delle sanzioni mentre si cerca il sostegno e la cooperazione della Cina semplicemente non funzionerà. Esortiamo gli Stati Uniti a non minare i diritti e gli interessi legittimi della Cina in alcuna forma. Se gli Stati Uniti insistono per andare per la loro strada, la Cina prenderà sicuramente forti contromisure.

La non conoscenza preliminare dell’operazione militare russa

Bloomberg: l’ambasciatore cinese presso la US Qin Gang ha detto ieri in un editoriale che la Cina non aveva alcuna conoscenza preliminare dell’operazione militare russa e avrebbe cercato di impedirlo. Come vede la Cina la decisione della Russia di non informarla di qualcosa di così consequenziale per la stabilità globale? È coerente con la partnership che il presidente Xi Jinping ha riaffermato il mese scorso con Vladimir Putin?

Zhao Lijian: Penso che l’ambasciatore Qin Gang abbia reso la posizione della Cina abbastanza chiaramente nel suo articolo.

Chinese Foreign Ministry spokesman Zhao Lijian looks on during a daily media briefing in Beijing, China, EPA-EFE/WU HONG

Come paese sovrano, la Russia ha il diritto di prendere le proprie decisioni. Non c’è alcun legame necessario tra questo e le relazioni Cina-Russia.

La violazione dei diritti dei bambini negli USA

Beijing Youth Daily: è stato riferito che il 15 marzo il rappresentante cinese ha espresso preoccupazione per la violazione dei diritti dei bambini negli Stati Uniti parlando al dialogo interattivo con il rappresentante speciale del Segretario generale sulla violenza contro i bambini durante la 49a sessione del Consiglio dei diritti umani. Hai qualche commento?

Zhao Lijian: La prolungata violazione dei diritti dei bambini negli Stati Uniti è triste e inquietante. Le statistiche mostrano che il governo degli Stati Uniti ha arrestato ben 45.000 bambini migranti illegali nel 2021. Negli ultimi anni, tra i 266.000 bambini migranti detenuti dagli Stati Uniti, 25.000 persone sono state detenute per più di 100 giorni. Le strutture di detenzione competenti operano sotto gestione caotica con frequenti abusi, lavori forzati e altre violazioni dei diritti umani. I bambini detenuti soffrono di gravi traumi fisici e mentali. È ancora più straziante apprendere che il governo degli Stati Uniti ha separato con la forza i bambini migranti in custodia dai loro genitori, con conseguente separazione familiare di molti migranti. Molti bambini non si sono ancora riuniti con i loro genitori.

Inoltre, molti bambini sono caduti vittime di sparatorie nel campus a causa della proliferazione di armi negli Stati Uniti. Uno studio pertinente rivela che la violenza armata è aumentata di oltre il 30 per cento negli Stati Uniti durante la pandemia di COVID-19 e il numero di bambini ricoverati negli ospedali per colpi di arma da fuoco è aumentato vertiginosamente. Negli Stati Uniti, nel 2021, 44.750 sono stati uccisi nella violenza armata e 1.533 di loro erano adolescenti e bambini di età inferiore ai 17 anni; e 40.359 persone sono rimaste ferite nella violenza armata e 4.107 di loro erano adolescenti e bambini di età inferiore ai 17 anni.

Diciamo spesso che i bambini sono come fiori delicati che dovrebbero essere curati con cura e nutriti dal sole e dalla rugiada. Guardando a questi bambini i cui diritti sono stati violati negli Stati Uniti, non si può fare a meno di chiedere: i bambini americani hanno i loro “diritti umani” protetti? Hanno “libertà” per cominciare?

il lancio di un missile balistico da parte della RPDC

Yonhap News Agency: Secondo i rapporti, la RPDC ha lanciato oggi un missile balistico, segnando il decimo lancio quest’anno. Qual è il commento della Cina?

Zhao Lijian: la Cina ha notato rapporti pertinenti. Al momento non sono a conoscenza della situazione specifica. La posizione della Cina sulla questione rilevante è coerente e chiara. La Cina spera che la pace e la stabilità siano mantenute nella penisola coreana e sostiene che tutte le parti dovrebbero lavorare attivamente per promuovere i colloqui di pace ed esercitare moderazione.

Le operazioni diplomatiche cinesi e le bugie statunitensi

Reuters: In risposta alle affermazioni dei funzionari statunitensi secondo cui la Russia ha inviato richieste alla Cina di hardware militare, la Cina ha risposto chiamando queste affermazioni disinformazione. L’ambasciatore Qin Gang ha avuto un editoriale sul Washington Post dove ha dichiarato anche la posizione della Cina su questo tema. Mi chiedevo in futuro, quali altri metodi utilizzerà la Cina per convincere le nazioni, in particolare i partner con cui ha relazioni di cooperazione, che non sta prendendo in considerazione l’invio di hardware militare in Russia? Farà altre attività diplomatiche di questo tipo?

Zhao Lijian: Voglio citare un detto cinese che dice: “Alcune persone mentono senza prima fare una bozza”. Alcuni funzionari statunitensi diffondono tali bugie a condizione di anonimato. Perché sono troppo timidi per rendere pubblici i loro nomi?

Per quanto riguarda la sua domanda, abbiamo elaborato molte volte la posizione della Cina. Proprio ora, ho anche risposto alle osservazioni provocatorie degli Stati Uniti. Abbiamo approfondito lo sviluppo delle relazioni Cina-Russia in più occasioni e non vediamo la necessità di entrare nei dettagli.

La preparazione di un attacco biochimico da parte di Stati Uniti e Ucraina

TASS: l’altro giorno funzionari del ministero degli Esteri russo hanno detto a TASS che mentre avverte la Russia di non usare armi biochimiche in Ucraina, gli Stati Uniti stanno di fatto eludendo la responsabilità delle proprie attività biochimiche in Ucraina e nascondendo un’azione provocatoria su larga scala che gli Stati Uniti e l’Ucraina stanno preparando. Il ministero degli Esteri ha qualche commento sul comportamento che cambia la colpa degli Stati Uniti?

Zhao Lijian: Come ho appena detto, la comunità internazionale ha da tempo serie preoccupazioni per le attività militari biologiche degli Stati Uniti. Secondo quanto presentato dagli Stati Uniti, il paese ha 336 laboratori in 30 paesi. Questo non è un problema limitato ai laboratori statunitensi solo in Ucraina, o un nuovo problema emerso dalla situazione attuale. Gli Stati Uniti hanno l’obbligo di rispettare il BWC e chiarire cosa fanno di fronte alle preoccupazioni della comunità internazionale. Non può confondersi deviando l’attenzione.

Per decenni, gli Stati Uniti hanno accusato casualmente altri paesi di non rispettare gli accordi e hanno chiesto ad altri di accettare la verifica, il che dà motivo agli Stati Uniti di avviare operazioni militari e imporre sanzioni. Perché gli Stati Uniti si esentano dalla verifica e cercano di convincere gli altri semplicemente dicendo che sono “in piena conformità”? Inoltre, gli Stati Uniti difficilmente possono guadagnare la fiducia della comunità internazionale con la loro credibilità. Ricordiamo ancora che qualcuno ha deciso di invadere illegalmente l’Iraq con una fiala di detersivo in mano.

Esortiamo ancora una volta gli Stati Uniti ad agire in modo responsabile, a dare chiarimenti completi sulle loro attività militari biologiche e a smettere di opporsi da soli all’istituzione di un regime di verifica BWC. Ciò aiuterà gli Stati Uniti a riconquistare la fiducia del mondo nell’adempimento dei loro obblighi internazionali e a migliorare la sicurezza biologica globale.

Le accuse di Zelenskyy

AFP: il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha detto ieri che l’Ucraina dovrebbe accettare che non diventerà membro della NATO. Sono sicuro che  la Russia ha usato la minaccia dell’espansione della NATO come motivo della sua invasione dell’Ucraina. Qual è la risposta del ministero degli Esteri a questa dichiarazione del presidente Zelenskyy?

Zhao Lijian: La parte cinese ha preso atto delle osservazioni del presidente Zelenskyy. Incoraggiamo tutte le parti interessate a impegnarsi in un dialogo su un piano di parità, ad affrontare le controversie e i problemi che si sono accumulati nel corso degli anni, a prendere sul serio l’impatto negativo dei cicli consecutivi di espansione verso est della NATO sull’ambiente di sicurezza della Russia e a lavorare per costruire un meccanismo di sicurezza europeo equilibrato, efficace e sostenibile seguendo il principio della sicurezza indivisibile.

Le bugie sul sostegno della Cina all’Ucraina

Reuters: Ieri, l’ambasciatore cinese in Ucraina ha avuto un incontro con i funzionari locali dell’Ucraina. Ci chiedevamo se il ministero degli Esteri avesse qualche commento sulla dichiarazione dell’ambasciatore secondo cui la Cina avrebbe fornito aiuto all’Ucraina?

Zhao Lijian, ministero degli Esteri cinese

Zhao Lijian: Non sono a conoscenza delle informazioni che hai menzionato. La posizione della Cina sullo sviluppo delle relazioni Cina-Ucraina è coerente e chiara.

AFP: Secondo quanto riferito, il consigliere di Stato e ministro degli Esteri Wang Yi sta pianificando di visitare l’India alla fine di questo mese. La parte cinese è in grado di confermare questi piani? E puoi dare ulteriori dettagli sugli argomenti che verranno discussi?

Zhao Lijian: Rilasceremo le informazioni in modo tempestivo, se del caso.

Gli Satti Uniti bulli contro i piccoli stati

Macau Monthly: il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto l’altro giorno che il principio di base dell’ordine internazionale negli ultimi 70 anni secondo cui “i grandi paesi non possono bullizzare i piccoli paesi” è stato violato nel conflitto tra Russia e Ucraina. Qual è il tuo commento?

Zhao Lijian: Quanto è ironico per gli Stati Uniti dire che “i grandi paesi non possono intimidire i piccoli paesi”. Se gli Stati Uniti potessero riflettere su ciò che hanno fatto a Cuba e Panama negli anni ’60, Grenada negli anni ’80, Jugoslavia negli anni ’90, Afghanistan e Iraq all’inizio di questo secolo e Siria e Libia in seguito, scoprirebbero che questi sono esempi da manuale di grandi paesi che bullizzano i piccoli paesi. Perché gli Stati Uniti non hanno detto una parola su questi fatti? Gli Stati Uniti dovrebbero indossare l’etichetta del grande bullismo del piccolo pozzo.

Il modo fondamentale per risolvere la crisi ucraina risiede nel cessate il fuoco, seguito dal dialogo e dal negoziato, piuttosto che dall'”ordine basato sulle regole” definito unilateralmente secondo i propri standard, ancor meno costringendo gli altri a schierarsi e creando l’effetto agghiacciante di dividere i paesi in amici o nemici.

Gli Stati Uniti dovrebbero stare dalla parte della pace e non della guerra

Il mondo ha bisogno di pace, non di guerra; richiede giustizia, non egemonia; aspira alla cooperazione, non allo scontro. Questo è ciò che spera la stragrande maggioranza dei paesi del mondo. C’è un solo sistema al mondo, che è l’ordine internazionale con l’ONU al centro. C’è un solo ordine, che è l’ordine internazionale sostenuto dal diritto internazionale. C’è un insieme di regole, che sono le norme di base che disciplinano le relazioni internazionali basate sugli scopi e sui principi della Carta delle Nazioni Unite. Se gli Stati Uniti sono sinceri nell’allentare la situazione in Ucraina, allora dovrebbero stare dalla parte della pace e della giustizia come fanno la maggior parte dei paesi nel mondo.

Reuters: la US Customs and Border Protection ha detto martedì che dal 14 marzo ha bloccato le merci dal gigante cinese dell’abbigliamento sportivo Li Ning in tutti i porti degli Stati Uniti, dicendo che un’indagine condotta ha trovato manodopera nordcoreana nella catena di approvvigionamento dell’azienda. Il ministero degli Esteri ne è consapevole e ha ulteriori commenti?

Zhao Lijian: Non sono a conoscenza della situazione che hai menzionato. La Cina si oppone fermamente a tutte le forme di “giurisdizione a braccio lungo” e sanzioni unilaterali.

La Redazione

- Advertisement -

Lascia una risposta
Skip to content