International Newspaper

Apellis vince l’approvazione della FDA

Del primo farmaco per il tipo di perdita della vista

Il trattamento dell’azienda, Syfovre, è autorizzato per l’atrofia geografica, una condizione oculare comune e irreversibile. Ma permangono domande sui suoi benefici e sulla sua sicurezza. Venerdì la Food and Drug Administration ha approvato il primo farmaco per una forma comune e irreversibile di perdita della vista…

Tuttavia, non è ancora chiaro se il medicinale, sviluppato da Apellis Pharmaceuticals, possa tranquillamente aiutare i pazienti a mantenere la vista più a lungo, creando un potenziale dibattito tra gli oculisti sul suo utilizzo.

Syfovre

A carton of Apells’ geographic atrophy drug Syfovre Courtesy of Apellis Pharmaceuticals

La FDA ha autorizzato il farmaco, che sarà venduto come Syfovre, per le persone con la condizione chiamata atrofia geografica. Un’iniezione oculare somministrata una volta ogni 25-60 giorni, il farmaco ha lo scopo di rallentare la progressione della malattia, una condizione che secondo Apellis colpisce almeno 1 milione di persone solo negli Stati Uniti.

Per alcuni esperti, la decisione dell’agenzia è una pietra miliare, che segna finalmente la disponibilità di un farmaco per una condizione progressiva e potenzialmente debilitante.

“Questo è l’inizio di una nuova era terapeutica” per l’atrofia geografica, ha affermato Eleonora Lad, professore associato di oftalmologia presso la Duke University e ricercatrice principale per gli studi alla base dell’approvazione del farmaco. “I miei pazienti sono alla disperata ricerca di trattamenti che possano rallentare la malattia”, ha detto in una recente intervista.

La decisione della FDA dà impulso anche ad Apellis, una società di biotecnologie che mira a diventare redditizia dopo anni di perdite. L’unico prodotto dell’azienda, Empaveli per una rara malattia del sangue, ha generato un fatturato netto stimato di 65 milioni di dollari nel 2022. Gli analisti di Wall Street ritengono che l’approvazione di Syfovre potrebbe tradursi in un picco di vendite annuali di 3 miliardi di dollari per l’azienda.

“Abbiamo costruito questa azienda per essere una grande organizzazione commerciale”, ha dichiarato il CEO Cedric Francois, in una recente intervista.

Apellis

Apellis ha valutato il farmaco a $ 2.190 per flaconcino, secondo una presentazione dell’azienda venerdì.
L’azienda potrebbe avere difficoltà a presentare il proprio caso a medici e pazienti. Nei test, Syfovre ha rallentato la crescita di un marker di progressione della malattia, ma non il degrado della vista dei pazienti. Ha mancato il suo obiettivo principale in uno dei due studi chiave a sostegno della sua applicazione, costringendo Apellis a chiedere alla FDA di ritardare la sua revisione per incorporare più dati. E poiché il farmaco non ripristina la vista persa, come possono fare i medicinali per altri tipi di perdita della vista legata all’età, i pazienti potrebbero non vedere facilmente l’impatto del trattamento.

Il trattamento è stato anche associato a un piccolo ma aumentato rischio di infezioni e infiammazioni, nonché alla formazione di nuovi vasi sanguigni, che possono causare un’ulteriore perdita della vista e richiedere una terapia aggiuntiva. La FDA ha inserito avvertimenti sull’etichettatura del farmaco per quegli effetti collaterali.

I rischi del loro verificarsi sembrano crescere con il tempo, il che ha portato alcuni specialisti della retina a mettere in dubbio il potenziale di Syfovre.

“Secondo me, questo farmaco è tutto dolore e nessun guadagno”, ha detto Demetrios Vavvas, professore di oftalmologia alla Harvard Medical School e direttore del Retina Service presso il Massachusetts Eye and Ear, in un’intervista prima della decisione della FDA.

“Non dovremmo basare le nostre decisioni sulle emozioni o [sull’idea che] ‘dobbiamo fare qualcosa perché non abbiamo nient’altro’. Quel ‘qualcosa’ potrebbe essere peggio di niente”, ha aggiunto. Vavvas non è associato ad Apellis.

L’ atrofia geografica

L’atrofia geografica è innescata dalla degenerazione maculare legata all’età, o AMD, una delle principali cause di perdita della vista negli anziani. Il danno alla macula  — la parte dell’occhio responsabile della visione centrale — provoca il progressivo

Cedric Francois CEO di Apellis

deterioramento della vista e la morte delle cellule retiniche.

Di conseguenza, si formano lesioni irregolari che, al microscopio, sembrano minuscole mappe geografiche. Quelle lesioni si ingrandiscono con il tempo, creando punti ciechi.

La loro crescita non può essere fermata. Mentre le persone con AMD “umida”, una forma aggressiva della malattia, hanno a disposizione diversi farmaci in grado di ripristinare la vista, le persone con atrofia geografica no.

“È come un incendio boschivo che non puoi fermare”, ha detto Francois. “Inizi a perdere la retina in un processo inarrestabile e irreversibile, e non c’è niente per questi pazienti.”

Apellis non è il solo a provare a cambiarlo. La sua medicina e un’altra di un produttore di farmaci rivale, Iveric Bio, bloccano l’attivazione del sistema del complemento, una parte della risposta immunitaria innata del corpo. I risultati dello studio di Iveric hanno anche mostrato che il suo farmaco potrebbe rallentare la crescita delle lesioni e la FDA deciderà in merito all’approvazione entro il 19 agosto.

In uno degli studi chiave a sostegno dell’approvazione di Apellis, una dose mensile ha portato a una riduzione relativa del 12% nella crescita delle lesioni rispetto alle iniezioni fittizie dopo un anno, il che non era statisticamente significativo. Dopo due anni, tale riduzione relativa è salita al 19%. Anche un’iniezione ogni due mesi apparentemente ha funzionato meglio nel tempo, passando da una differenza relativa dell’11% nella crescita delle lesioni dopo un anno al 16% dopo due nello stesso studio.

Lo studio

Apellis non ha ancora dimostrato che il rallentamento della crescita delle lesioni corrisponda a un miglioramento della vista. A novembre, ha riferito che i pazienti nelle sue prove in fase avanzata di non hanno riscontrato alcun beneficio sull’acuità visiva dopo due anni di trattamento. Inoltre, non c’erano differenze significative sugli obiettivi di studio secondari che valutano la visione, come la velocità di lettura di una persona.

Lad afferma che tali benefici potrebbero verificarsi in futuro, poiché gli effetti sulla crescita delle lesioni diventeranno più pronunciati. “Ottieni sempre più prevenzione delle perdite nel tempo”, ha affermato Lad. “Per me è abbastanza chiaro che sta funzionando.”

Non è chiaro per quanto tempo i pazienti dovrebbero essere trattati prima di quel momento, tuttavia, e gli scettici sostengono che i rischi del trattamento potrebbero compensare eventuali aspetti positivi.

“Man mano che il potenziale beneficio aumenta, il rischio aumenta”, ha affermato Vavvas, di Mass Eye and Ear. “E il vantaggio è potenziale. Il rischio è reale».

Ad esempio, la crescita anormale dei vasi sanguigni osservata negli studi di Apellis può peggiorare la perdita della vista. Un’analisi di sicurezza aggregata dei due studi di fase 3 ha mostrato che circa il 6% dei pazienti che hanno ricevuto iniezioni mensili ha sviluppato questa condizione dopo un anno e il 12% dopo due anni.

Il rischio era inferiore con un regime a mesi alterni, ma cresceva comunque con il tempo ed era superiore a quelli che avevano ricevuto iniezioni fittizie nel processo di Apellis. I tassi di infiammazione o infezione oculare erano inferiori, ma anche aumentati.

Vavvas è preoccupato che una tendenza simile si svilupperà nel mondo reale su scala più ampia. Dopo un iniziale aumento dell’uso, ha detto, “si verificheranno effetti collaterali e le persone ne staranno alla larga”.

Un recente sondaggio tra 25 oftalmologi, condotto da analisti della banca d’affari Jefferies, ha indicato che Vavvas non è l’unico scettico. Gli analisti di Jefferies hanno scoperto che il gruppo avrebbe probabilmente raccomandato solo farmaci come Syfovre per circa la metà dei loro pazienti con atrofia geografica e si aspettavano che circa un terzo dei loro pazienti rifiutasse il trattamento.

Francois, da parte sua, sostiene che il rischio di infezione o infiammazione è paragonabile a quello di altri farmaci per gli occhi iniettabili. La formazione di nuovi vasi sanguigni può essere controllata con i farmaci esistenti, ha aggiunto. “Non ci aspettiamo che la sicurezza sia qualcosa che impedisce l’uso diffuso di questo farmaco”, ha detto.

Anche Lad ha notato che il trattamento dell’AMD è “sostanzialmente migliorato” e non prevede problemi. “Sono convinto che questo sia un regime sicuro”, ha detto.

Tuttavia, sta anticipando una curva di apprendimento. Ci saranno complessità logistiche che lo integreranno nella pratica, per esempio. Gli specialisti dovranno capire chi dovrebbe essere trattato per primo, chi potrebbe trarne i maggiori benefici e quale regime dovrebbero ricevere.

“C’è molto da riunirsi e decidere cose come comunità che devono accadere con questo”, ha detto. “È nuovo di zecca.”

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content