International Newspaper

Michelle Jacques

Recuperare la musica delle donne dalla grande migrazione

Jacques ha creato una nuova performance suite, Daughters of the Delta, che utilizza i canti delle donne afroamericane per raccontare la storia della musica della Louisiana dalla fine del XIX secolo all’inizio del XX, quando la Grande Migrazione (durata, all’incirca, dal 1910 al 1970) era alle prese con la trasformazione della cultura americana, inclusa la musica americana…

Cresciuta a Oakland alla fine degli anni ’50, Michelle Jacques non sapeva nulla del passato di sua madre a New Orleans. Non per il razzismo che sua madre incontrava giorno per giorno in Louisiana. Non sui divieti finanziari che impedivano a sua madre di comprare una casa in quello stato. E non per le ragioni per cui sua madre decise di lasciare il sud americano per Oakland nel 1957 – e prendere Michelle, il fratello, la nonna e diversi cugini – durante un periodo prolungato chiamato la Grande Migrazione, quando 6 milioni di afroamericani lasciarono il sud per California, Michigan, New York e altri stati che darebbero loro maggiori possibilità di opportunità economiche.

“Non ne sapevo nulla”, dice Jacques, che ora è un cantante affermato. “Quell’informazione mi è stata nascosta. Quella generazione… non volevano soffermarsi su cose del genere”.

Daughters of the Delta

Charmaine Neville

La generazione di Jacques vuole soffermarsi su di esso. Ecco perché Jacques ha creato una nuova performance suite, Daughters of the Delta, che utilizza i canti delle donne nere per raccontare la storia della musica della Louisiana dalla fine del XIX secolo all’inizio del XX, quando la Grande Migrazione (durata, all’incirca, dal 1910 al 1970) era alle prese con la trasformazione della cultura americana, inclusa la musica americana. Tra le figure nella suite di Jacques: Lil Hardin Armstrong, seconda moglie di Louis Armstrong e cantante a pieno titolo; Blue Lu Barker, una cantante di New Orleans che potrebbe essere meglio conosciuta oggi per “Don’t You Feel My Leg”, che Maria Muldaur ha contribuito a rendere popolare negli anni ’70; e Becky Elzy e Alberta Bradford, cantanti e folkloristi della Louisiana nati entrambi a metà del 1800 ma che hanno avuto una lunga vita che li ha visti conservare dozzine di brani che sono stati conservati nelle registrazioni sul campo del XX secolo.
Daughters of the Delta, la cui prima mondiale sarà sabato e domenica 11 e 12 giugno, nell’ambito del San Francisco International Arts Festival, presenteranno anche brani originali di Jacques e Cava Menzies, nuovi arrangiamenti di canzoni tradizionali di Brian Dyer e un gruppo di altri cantanti e musicisti coraggiosi in spettacoli che, secondo Jacques, faranno rivivere la musica di un’era che, sebbene trasformativa, non riconosce ancora Armstrong, Barker e molte altre donne importanti. In effetti, dice Jacques, l’arte di queste donne rimane poco riconosciuta, al punto da essere quasi dimenticata, almeno nelle discussioni generali sulla musica.

Le parole di Michelle Jacques

“Molte delle canzoni che suonerò non verranno più ascoltate”, dice Jacques. “La loro storia scomparirà. Come Becky e Alberta, le loro cose risalgono alla fine del 1800 e all’inizio del 1900. E le persone non conoscono nemmeno alcuna informazione su di loro. … E se non fosse stato per Maria Muldaur che ha firmato “Don’t You Feel My Leg”, nessuno avrebbe saputo dei Blue Lu Barker. “

Daughters of the Delta arriva in un momento in cui altri musicisti – sia della generazione di Jacques che della successiva – stanno creando brani musicali che esprimono canzoni della Grande Migrazione, e quando scrittori e accademici hanno anche dedicato nuove borse di studio a narrazioni che esaminano come questo periodo epocale nella storia americana ha influenzato – e sta ancora influenzando – la cultura tradizionale, inclusa la musica.

Who Set You Flowin?: The African American Migration Narrative

Nel suo libro del 1995, Who Set You Flowin?: The African American Migration Narrative, la studiosa della Columbia University

Grande migrazione

Farah Jasmine Griffin, che è la William B. Ransford Professor of English and Comparative Literature and African American Studies della scuola, scrive che le narrazioni migratorie sono diventate un elemento dominante enfasi per musicisti, scrittori e artisti visivi neri alla fine del 20 ° secolo. Citando opere culturali degne di nota come il romanzo Jazz di Toni Morrison del 1992, incentrato su Harlem e il sud americano, Griffin scrive che “l’emergere di questa nuova forma” ha spesso narrato le vite dei neri americani che si sono trasferiti da un ambiente provinciale a uno “più cosmopolita, area metropolitana”, dove hanno dovuto confrontarsi e negoziare un paesaggio urbano che offriva sia opportunità, ma anche resistenze e limiti. Il libro di Griffin, che è classificato come il primo studio sostenuto sulla migrazione come rappresentato nella letteratura, nelle lettere, nella musica e nella pittura afroamericane, articola ciò che altri studiosi hanno detto sulla California, New York e altri stati: hanno contribuito a dare voce a nuove narrazioni che ha anche ribadito le lotte storiche dei neri e la perniciosa eredità della schiavitù.

The Warmth of Other Suns: The Epic Story of America’s Great Migration

La musica è diventata un veicolo primario per quelle voci, come sottolinea Isabel Wilkerson nel suo libro del 2010, The Warmth of Other Suns: The Epic Story of America’s Great Migration, dove scrive che “le persone di tutto il mondo sono state arricchite dalla musica che i migranti trasportavano a nord con loro e, attraverso la traduzione, è diventato — da Louis Armstrong a Miles Davis ad Aretha Franklin ai Rolling Stones a Tupac Shakur e molti altri — essenzialmente la colonna sonora del 20° secolo.

Jacques e altri cantanti e musicisti stanno cercando di spingere quell’influenza negli anni ’21esimo secolo. Oltre a Daughters of the Delta, Jason Moran e Alicia Hall Moran hanno girato Two Wings: The Music of Black America in Migration nel 2019 alla Carnegie Hall, al Kennedy Center e in altri luoghi e poi hanno portato lo spettacolo quest’anno nella Bay Area. (In un podcast di Berkeley News che ha coinciso con la performance dei Morans nel 2022, il professore di storia della UC Berkeley Waldo E. Martin ha analizzato la Grande Migrazione e il suo legame con la musica.) E l’anno scorso, la pianista Lara Downes ha creato una serie audio in tre parti, Migration Musica, che esplora la musica della Grande Migrazione del XIX e XX secolo.

CHELLE! and Friends New Orleans Band

Ciò che rende diverse Daughters of the Delta è l’enfasi di Jacques sulle cantanti e la sua esperienza personale con l’argomento, che include la nascita a New Orleans. È stato solo negli ultimi 15 anni, quando Jacques era già affermato come cantante e ricercava i suoi antenati e la storia della musica nera del sud, che si è resa conto della scarsità di materiale che esisteva e della sua disconnessione dalla storia della sua famiglia. Jacques si esibisce spesso sotto il nome di “CHELLE! and Friends New Orleans Band” e “CHELLE’S JUKE JOINT Acappella Ensemble” e si identifica sia come afroamericano che come creolo.
Prima di Daughters of the Delta, dice: “Avevo un altro [progetto] chiamato Voyage Creole. Sono creolo ed è stato uno studio sul popolo creolo. Abbiamo avuto il creolo africano, che aveva più africano in loro, e poi abbiamo avuto il creolo francese, che si è davvero associato alla parte francese della loro cultura. Quindi, essendo un afroamericano e un creolo africano, volevo approfondire. Ma quando ho approfondito questo, la maggior parte delle cose che ho trovato riguardava gli uomini e il loro lavoro, e molto poco le donne e il loro contributo alla musica. Quindi questo è ciò che mi ha avviato in questo progetto. Volevo davvero conoscere la loro storia e quali sono stati i conflitti e le lotte che hanno attraversato e perché hanno scritto quello che hanno fatto. Ecco perché è importante per me assicurarmi che questa eredità continui”.

Le canzoni della prima mondiale

Berta e Becky

Incluso nelle canzoni che Jacques e i membri della band si esibiranno l’11 e il 12 giugno c’è “Adam in the Garden Pinnin’ Leaves”, che Becky Elzy e Alberta Bradford hanno cantato in una registrazione che la Library of Congress presenta nel suo profilo delle due donne , dove è possibile ascoltare la passione e il flusso musicale dei cantanti, anche in età avanzata. Bryan Dyer ha riarrangiato la canzone per le esibizioni di giugno, che includeranno anche “Gatemouth” e “Clip Joint” di Armstrong, “Don’t You Feel My Leg” di Barker, “A Good Man Is Hard to Find” di Lizzie Miles, “A Good Man Is Hard to Find” di Mahalia Jackson. “Walk Over God’s Heaven” e “Second Line” di Charmaine Neville, una cantante contemporanea di New Orleans che, oltre a Jacques, Menzies e Dyer, è l’unica figura vivente la cui musica è presente. Ma Jacques lega Neville a Blue Lu Barker e altri per questo motivo: Neville, che è la figlia di Charles Neville (dei Neville Brothers), è poco conosciuta al di fuori di certi circoli musicali.
“Non sapevi di Charmaine, vero?” chiede nella nostra intervista. “Non l’hai fatto perché non sta ricevendo la stampa che Aaron e tutti gli altri ottengono. Ma è grande a New Orleans. È grande in Louisiana. Quindi questo è il mio omaggio a lei. “

“Non sa ancora del mio lavoro”, dice Jacques a proposito delle Figlie del Delta.

Gli spettacoli successivi

Jacques rise mentre lo diceva, ma la sua determinazione a indossare Figlie del delta si estenderà ben oltre le due date di giugno. Sta creando una versione per bambini dello spettacolo che si esibirà per il pubblico più giovane, vuole fare un tour delle Figlie del Delta negli Stati Uniti e ha in programma di fare un documentario di accompagnamento. Gli spettacoli dell’11 e 12 giugno presenteranno sul palco le immagini di Becky Elzy, Alberta Bradford e altri cantanti della Louisiana che sono passati.

“Sono in grado di coprire solo quattro o cinque donne oltre alle mie cose originali, ma ce ne sono così tante altre che non sono ancora in grado di toccare”, dice Jacques. “Vado a New Orleans. La mia famiglia è ancora lì, e non andrò solo alla [Louisiana State University] e farò ricerche lì, ma approfondirò i musicisti di New Orleans e andrò nei bayous e nei luoghi e parlerò con le persone e approfondirò davvero la cosa . Quindi questo è solo l’inizio del mio viaggio”.
Daughters of the Delta si svolgerà presso la Plymouth Jazz and Justice Church di Oakland, collocando le esibizioni in uno spazio religioso che sembra appropriato poiché la musica gospel ha contribuito a generare gran parte della musica emanata dai musicisti le cui famiglie hanno lasciato il sud americano nel Grande Migrazione.

“Quando faccio il mio R&B e jazz, tutto risale alla Louisiana e alla cultura da lì, quindi sono così eccitato”, dice Jacques, prima di aggiungere il tipo di espressione che incarna la sua natura celebrativa: “We’re going to kick some ass!”

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content