International Newspaper

Siccità nel Corno d’Africa

Nuove analisi segnalano crescenti rischi, necessità di sostenere le famiglie rurali

Alti funzionari della FAO visitano le aree colpite nella fretta di salvare vite e mezzi di sussistenza. I conflitti basati sulle risorse stanno aumentando con l’aumento della concorrenza per l’acqua e i pascoli e i tassi di malnutrizione stanno aumentando nelle aree colpite di Etiopia, Kenya e Somalia…

Nairobi : Una siccità prolungata e multistagionale sta causando una grave insicurezza alimentare nel Corno d’Africa, con 12-14 milioni di persone ora a rischio poiché i raccolti continuano a appassire e gli animali si indeboliscono, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e i partner hanno avvertito.

Le problematicità

Corno D’Africa copyright FAO Patrick Meinhardt

I conflitti basati sulle risorse stanno aumentando con l’aumento della concorrenza per l’acqua e i pascoli e i tassi di malnutrizione stanno aumentando nelle aree colpite di Etiopia, Kenya e Somalia, evidenziando la necessità di sostenere i mezzi di sussistenza rurali che sono alla base della pace e della sicurezza alimentare in tutto il Corno.

In un briefing ai donatori internazionali a Nairobi, la FAO e i suoi partner hanno riferito che le prospettive di sicurezza alimentare nella regione dipenderanno fortemente dall’andamento della prossima stagione delle piogge, con previsioni al momento incerte.

In uno scenario peggiore in cui le piogge vengono completamente a mancare e le comunità dipendenti dall’agricoltura non ricevono un sostegno adeguato, il numero di persone altamente insicure dal punto di vista alimentare potrebbe salire a 15-20 milioni, con alcune famiglie più colpite che affrontano condizioni di fame “catastrofiche”.

Un’ulteriore nuova analisi pubblicata giovedì dall’Unità di analisi della sicurezza alimentare e della nutrizione (FSNAU) per la Somalia, ospitata dalla FAO, mostra che nella sola Somalia, il numero di persone in condizioni di insicurezza alimentare acuta (fase 3 e 4 dell’IPC) dovrebbe aumentare da 3,5 a 4,1 milioni tra gennaio e marzo 2022, se l’assistenza umanitaria non viene ricevuta in tempo.

il Vice Direttore Generale della FAO, Beth Bechdol; Coordinatore subregionale per l’Africa orientale, David Phiri; e il Direttore delle Emergenze e della Resilienza, Rein Paulsen, hanno appena completato una visita in Kenya per aumentare la consapevolezza sulla siccità e vedere in azione la vitale risposta della FAO, anche nelle contee di Isiolo e Marsabit nel nord.

Le parole di Beth Bechdol e David Phiri

“I cicli di siccità si stanno intensificando e si verificano con maggiore frequenza. Ora è necessaria un’azione umanitaria immediata

Corno D’Africa copyright FAO Patrick Meinhardt

per sostenere agricoltori e pastori”, ha affermato Bechdol, dopo aver visitato le comunità keniote dove capre e mucche muoiono per mancanza di acqua e pascoli. “La comunità internazionale ha una finestra ristretta per prevenire una grave catastrofe umanitaria qui”, ha affermato.

“I campanelli d’allarme sono già stati suonati: ora è necessaria un’azione su larga scala”, ha affermato Phiri. “La FAO ha svolto azioni preventive durante la seconda metà del 2021 in Etiopia, Kenya e Somalia per mitigare gli impatti della siccità su oltre un milione di abitanti delle zone rurali e finora una crisi è stata mitigata. Ma è necessario molto di più man mano che la situazione peggiora e la crisi incombe”, ha affermato.

Un piano per aiutare le famiglie rurali a farcela

Nell’ambito del nuovo Piano di risposta alla siccità del Corno d’Africa della FAO, sono stati urgentemente necessari 130 milioni di dollari per fornire un’assistenza urgente alle comunità altamente vulnerabili nelle regioni colpite dalla siccità dei tre paesi.

Il piano sostiene la produzione di fino a 90 milioni di litri di latte e fino a 40.000 tonnellate di colture alimentari di base nella prima parte del 2022, mettendo in salvo oltre un milione di persone altamente insicure dal punto di vista alimentare.

Per le famiglie di pastori, la FAO mira a fornire mangimi per animali e integratori alimentari, fornire cliniche veterinarie mobili, trasportare serbatoi d’acqua pieghevoli da 10.000 litri in aree remote e aggiornare i pozzi esistenti per funzionare con l’energia solare.

Per le famiglie contadine, la FAO mira a distribuire varietà di sorgo, mais, fagiolo dall’occhio e altri fagioli e verdure resistenti alla siccità.

La FAO sta inoltre effettuando trasferimenti di denaro e programmi di lavoro per garantire che i più vulnerabili possano accedere al cibo.

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content