International Newspaper

Maigret

Il Film con Gérard Depardieu nelle sale

Betty e Maigret si ritrovano entrambe grazie al loro incontro: riescono a fare pace con le difficoltà della vita, Maigret con la perdita del figlio e Betty con le sue scelte di vita per sfuggire alla sua condizione di provincia. Un’indagine di Maigret durante l’Occupazione: la scomparsa di una ragazzina in realtà un’indagine del genere non esiste. Perché curiosamente, Simenon ha affrontato ben poco il periodo dell’Occupazione nel suo lavoro…

Dopo quasi sessant’anni Patrice Leconte riporta nelle sale cinematografiche il commissario Maigret di Simenon che è interpretato magistralmente da Gérard Depardieu.

Maigret

Parigi, 1953. Il famoso Maigret indaga sulla morte di una giovane ragazza. Niente per identificare il corpo, nessuno sembra averla conosciuta, e nemmeno vista. Durante la sua indagine Maigret incontra Betty, una giovane criminale. Gli ricorda la ragazza morta e una scomparsa più antica e molto più intima…

Intervista a Patrice Leconte

Locandina del Maigret di Patrice Leconte con Gérard Depardieu

Quando i miei genitori sono partiti per un viaggio e mia nonna materna è venuta a farci da babysitter, ci ha portato con i suoi romanzi di Simenon, e in particolare Maigrets. Ne ho letti alcuni che ha lasciato sul suo comodino, che ho pensato fossero fantastici, ma mi sono trattenuto dal piacerli completamente convincendomi che erano letteratura facile. Fino a quando, in classe Terminale, il mio professore di filosofia, fin dalla prima lezione, annunciò: “Passeremo del tempo con Descartes, Hegel, Kierkegaard e Kant, ma sappi che per me il più grande filosofo è Georges Simenon”. Improvvisamente mi sono detto che avevo fatto bene ad apprezzare questo autore, come se questo maestro lo avesse legittimato, e così ho continuato a leggere Simenon regolarmente e ad amarlo ancora di più.

Cosa ti interessava del suo lavoro?

Quello che mi è piaciuto subito è stata la sua scrittura quasi cinematografica: Simenon mette in scena persone normali, persone che sembrano non avere una storia, ma che si rivelano avere anche una storia. Le atmosfere, i luoghi, i sentimenti, le difficoltà, e questo “casting” spesso travolgente mi hanno portato via, commosso.
È molto raro trovare questa parte puramente emotiva nel romanzo noir, anche tra i più grandi autori.
Ero sensibile anche all’economia delle parole, alla concisione, alla capacità di Simenon di esprimere con un minimo di parole grandi universi e personaggi strani o modesti. I suoi libri non superano mai le 200 pagine e sono scritti in maniera esemplare.Avevi già portato sullo schermo una sua opera, una trentina di anni fa, con Monsieur Hire.
È stato molto speciale perché ho conosciuto Panique di Julien Duvivier, uno dei miei registi preferiti, senza sapere che si trattava di un adattamento di The Engagement of Monsieur Hire. Per divertimento – e una piccola provocazione – ho detto che mi sarebbe piaciuto girare un remake di Panique. Ma dopo Tandem, il produttore Philippe Carcassonne mi ha detto che non dovevo fare un remake, ma un nuovo adattamento! Sono rimasto sbalordito perché non sapevo che fosse un Simenon e, ovviamente, sono corso al libro! Per questo, essendo il mio primo adattamento di Simenon, la mia attrazione iniziale per questa storia non era legata all’autore.
Anche se ovviamente non è un adattamento di Simenon, L’homme du train evoca un clima specifico dell’autore…

Quando abbiamo scritto la sceneggiatura con Claude Klotz, non ci abbiamo mai pensato apertamente. Tuttavia, aleggia l’ombra di Simenon e, soprattutto, sul titolo L’homme du train che è un titolo “simenonico”. Simenon aveva titoli evidenti, come gli impressionisti che, quando raffiguravano una ragazza con un cappello rosso, chiamavano il loro dipinto Ragazza con un cappello rosso! Con Simenon l’ovvietà del titolo mi ha sempre affascinato, perché hai scelto di adattare Maigret e La giovane morta, senza dubbio una delle sue opere più crepuscolari?
Con Jérôme Tonnerre, collaboratore con il quale ho scritto diversi film, condividiamo la stessa ammirazione per Simenon e, naturalmente, volevamo immergerci nel suo universo. Fu allora che Jérôme mi fece notare che Maigret non si incarnava nel cinema dal 1958, con Jean Gabin nel ruolo di curatore e Jean Delannoy alla regia. Quindi dovevamo adattare un Maigret. Ma volevamo che la trama si svolgesse a Parigi perché, ai miei occhi, Maigret è legato a certi luoghi emblematici come il Quai des Orfèvres o le Batignolles. Jérôme si è quindi imbattuto in Maigret e nella giovane morta che non conoscevo: quando l’ho letto, era ovvio.

Come mai ?

In Maigret, la trama poliziesca passa un po’ in secondo piano e ci permette di descrivere un universo, di creare personaggi, di accampare un quartiere. In quest’opera, oltre al gusto dell’autore per l’esplorazione di universi diversi, c’è una ricchezza emotiva senza precedenti: Maigret cerca non tanto l’assassino quanto questa giovane ragazza pugnalata con un coltello che nessuno sembra conoscere. L’ho trovato tanto più sconvolgente dal momento che lo stesso Maigret avrebbe avuto una figlia di quell’età se fosse stata ancora viva.Su cosa ti sei concentrato particolarmente, con Jérôme Tonnerre, nell’adattamento?
Ricordo, quando ero studente di cinema, che Jean-Claude Carrière venne a parlarci dell’adattamento, dal Journal d’une femme de chambre, che lui stesso aveva adattato da Octave Mirbeau per Buñuel. Ci ha detto “Per adattare con successo un libro che ami, devi leggerlo più volte, poi chiuderlo e non riaprirlo mai più. Abbiamo seguito il suo consiglio e, sulla base dei nostri ricordi più vividi del libro, abbiamo scritto un adattamento fedele e infedele. Ciò che mi ha reso molto felice è stato il reazione di John Simenon, “custode del tempio” del lavoro di suo padre, noto per aver amato moltissimo il signor Hire: sentiva che erano state prese delle libertà che suo padre avrebbe adorato.
Quali libertà?
Il nostro asse principale era la ricerca di Maigret per scoprire chi fosse questa giovane donna morta che nessuno sembra ricordare. Quindi, per poterci concentrare sulla sua traiettoria, molti personaggi secondari sono scomparsi.
Inoltre, per distinguerci dalla banale panoplia del Maigret con cappello, pipa e cappotto che andava oltre le mie forze, tanto era convenzionale, ci è venuta questa semplice idea, con Jérôme Tonnerre, del medico che consiglia al Commissario di non fumare più.
Lo vediamo ancora giocherellare con la pipa con rammarico e questo è parte integrante del Maigret incarnato da Depardieu che si

allontana dalle solite rappresentazioni. Nello stesso spirito, il film è sobriamente chiamato Maigret, e no Maigret and the Young Dead, per esprimere l’idea che si tratta del nostro Maigret, e non di precedenti adattamenti.
Ci immergiamo subito in una Parigi spettrale, filmata in uno stile quasi espressionista…
Probabilmente è perché il film, come il libro, è ambientato negli anni 50. Tuttavia, sono sempre stato ossessionato dalle ricostruzioni eccessivamente meticolose, con intere strade invase da veicoli d’epoca, perché questa cura eccessiva concessa alle decorazioni distoglie l’attenzione del spettatore dell’essenza. Certo, sono gli anni ’50, ma volevo che il film fosse molto stilizzato nella messa in scena, nella luce, negli oggetti di scena, nei costumi, con scelte di inquadratura e illuminazione abbastanza forti. Monsieur Hire doveva essere un film senza tempo e ci siamo divertiti a sfumare i marcatori cronologici. Questa volta eravamo un po’ più obbligati a datare il film con precisione: non ci sono quindi accessori anacronistici, ma non c’è una ricostruzione ossessiva, altrimenti il ​​regista si trasforma in un guardiano del museo.

Intervista a Gérard Depardieu

Qual è il tuo rapporto con Simenon, e in particolare con i Maigret?

Gérard Depardieu in Maigret copyright Ciné e F Comme Film et Pascal Chantier-Stéphanie Branchu

Quello che mi piace di Simenon, come di Balzac o Moravia, è l’arte del dettaglio, ma anche la sua capacità di scrivere un romanzo in nove giorni e di ritrarre storie meravigliose e grandi personaggi concentrandosi su una piccola città e un ambiente popolare. Apprezzo molto il suo periodo americano, con, ad esempio, The Bottom of the Bottle o The Rings of Bicêtre. D’altronde Maigret l’ho letto poco, ma l’ho visto spesso al cinema o in televisione. Maigret è uno dei grandi poliziotti della letteratura, come Porfire in Delitto e castigo, o Javert in I miserabili Cosa ti ha interessato della sceneggiatura di Patrice Leconte e Jérôme Tonnerre?
La sceneggiatura ti trascina, ti trasporta, e questo nasce dal temperamento di Patrice che conosce egregiamente il suo lavoro e che ha un profondo rispetto per tutti i mestieri, come Simenon con i suoi personaggi. Grazie a Patrice e Jérôme, entriamo in un mondo strabiliante.
Maigret raramente si è esposto così tanto e non è mai stato così commovente.

Come percepisci il personaggio?

Vediamo per la prima volta che ha un cuore, un’umanità, e scopriamo in questa occasione che ha avuto una figlia con Mme Maigret – non ha solo stufato nella sua vita! Ha un rapporto reale con sua moglie, una vita al suo fianco, che il film rende tangibile. Sentiamo la loro complicità nella scena del cimitero dove seppellisce questa giovane ragazza con i suoi vent’anni perduti. Ma ci sono voluti un uomo come Patrice, con il suo profondo senso di umanità, e tutti i suoi collaboratori – da Jérôme Tonnerre a Yves Angelo, senza dimenticare i decoratori, le macchine, gli electros – per ottenere un risultato del genere.Il più straordinario è che nonostante la tua notorietà e la tua filmografia, sparisci dietro il personaggio che raramente è stato così incarnato.
Vediamo la massa del personaggio, il suo lato monolitico, ed è questo che lo rende umano. Seguo il costume di Maigret, seguo le peregrinazioni e l’osservazione del personaggio con una doppia attenzione perché non ha più la pipa. Questo potrebbe renderlo irritabile – e no, lo rende doppiamente attento a tutto ciò che accade intorno a lui.

Intervista a Jade Labelle

Come ti sei avvicinata al tuo personaggio?

Primo, costruendo ponti con me che, come Betty, sono un uptown di provincia a Parigi! Avevo con lei dei veri atomi uncinati e ho

Maigret copyright Ciné e F Comme Film et Pascal Chantier-Stéphanie Branchu

cercato di capirla nella sua intimità per costruirla al meglio: come si esprime? qual è il suo carattere? qual è la sua traiettoria? Già dalla sceneggiatura abbiamo percepito il rapporto che lei intreccia con Maigret e che ho trovato molto toccante. Questa relazione stava molto a cuore a Patrice: Betty non esiste nel romanzo e porta una dimensione più emotiva alla storia, la sua ala, senza pensarci due volte, mi ha davvero commosso. A un certo punto, crede ancora che debba essere uno scambio di favori, ma lui le dice che non è sua intenzione e finiscono per capirsi.
Da qui una relazione piuttosto paterna. Qual è la traiettoria di Betty?
L’ho vista come una metamorfosi che accompagna la nascita della femminilità: Betty arriva a Parigi senza niente e finisce per essere elegante, truccata, con un taglio di capelli alla moda e un magnifico abito da sera. È stato molto bello vedere questa ragazza che, all’inizio, dorme per strada, poi finisce per schiudersi e trovare quello che cercava. Per lei è un po’ come un viaggio iniziatico.

Cast

Maigret Gerard Depardieu

Betty Jade Labeste

Jeanine Mélanie Bernier

Madre di Laurent Aurore Clément

Kaplan André Wilms

Dottor Paul Hervé Pierre (de la Comédie Française)

Louise Clara Antoons

Laurent Clermont-Valois Pierre Moure

Lapointe Bertrand Poncet

Madame Maigret Anne Loiret

Irène Elizabeth Bourgine

Il Giudice Philippe du Janérand

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content