International Newspaper

Maria Zakharova spiega la richiesta della Russia alle nazioni occidentali

la richiesta verte sul ribadire i loro impegni ai sensi delle convenzioni di Vienna

Secondo Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Affari Esteri della Russia, il problema è molto più ampio nella campagna informativa e politica, che è stata avviata negli ultimi otto anni, e le sue conseguenze. Maria Zakharova descrive nel dettaglio gli aiuti passati, presenti e futuri che l’ Ucraina ha ottenuto negli ultimi 8 anni dai paesi dell’ Alleanza…

La Russia ha chiesto ai paesi occidentali di ribadire e osservare i loro impegni ai sensi delle convenzioni sulle relazioni diplomatiche e consolari, ha detto domenica la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Le parole di Maria Zakharova

Maria Zakharova portavoce Ministero degli Affari Esteri russo

“Naturalmente, abbiamo chiesto ai paesi occidentali di accreditare le nostre ambasciate, osservare i loro impegni ai sensi delle corrispondenti convenzioni sulle relazioni diplomatiche e consolari. Naturalmente, chiediamo che ribadano i loro impegni e, cosa più importante, li osservino rigorosamente”, ha detto in un’intervista al canale televisivo Rossiya-1.

 
Tuttavia, secondo le sue parole, il problema è molto più ampio nella campagna di informazione e politica, che è in corso negli ultimi otto anni, e nelle sue conseguenze. “L’Occidente, prima di tutto, gli Stati Uniti e il campo NATO, non sono ovviamente riusciti ad anticipare le conseguenze per i loro paesi e la loro popolazione e come modificheranno la mentalità delle persone che ha portato al bellissimo futuro dei diritti umani”, ha osservato.
 
“Tutto è stato dimenticato, tutto è stato rovinato, nulla è rimasto dalle disposizioni e dai concetti che hanno adottato”, ha sottolineato Zakharova.
 
Durante il primo mese e mezzo del 2022, fino all’inizio dell’operazione speciale in Ucraina, quasi 50 aerei da trasporto militari provenienti da diversi paesi sono atterrati in Ucraina: USA, Gran Bretagna, Canada, Polonia, Lituania.
 
Il dato è ricavato da una dichiarazione congiunta del ministro della Difesa dell’Ucraina Reznikov e del capo delle forze armate del paese Zaluzhny dal 14 febbraio. Si nota che nell’ultimo mese 2mila hanno ricevuto in Ucraina. Una tonnellata di armi moderne, dispositivi e dispositivi di protezione.

Maria Zakharova descrive nel dettaglio gli aiuti passati, presenti e futuri che l’ Ucraina ha ottenuto negli ultimi 8 anni dai paesi dell’ Alleanza.

A Dicembre 2021 Biden ha approvato assistenza militare all’ Ucraina

Nel dicembre 2021 il presidente degli Stati Uniti Biden ha approvato un’ulteriore assistenza militare per l’Ucraina per un valore di 200 milioni di dollari. Stiamo parlando di sistemi anticarro, granate, armi da fuoco, un gran numero di armi e altre attrezzature.
Proprio dal 2014, secondo i rappresentanti del Dipartimento di Stato, gli Stati Uniti hanno fornito aiuti militari all’Ucraina per 2,7 miliardi di dollari. (per il 2021 – 650 milioni di dollari).
 

I sostegni degli altri paesi dell’ Alleanza

La Gran Bretagna ha recentemente aumentato il numero dei suoi soldati schierati nell’Europa orientale come parte della principale presenza NATO. Di recente, Londra ha consegnati più di 2mila sistemi anticarro a Kiev, compresi i complessi portatili NLAW.
La Germania è diventato uno dei principali fornitori di armi a Kiev. Sta per fornire più di 2mila punti Stringer, precedentemente

 

Esercito tedesco in Ucraina

di proprietà della DDR, oltre a 500 punti Stinger. Inoltre, Berlino assegnerà mille granate anticarro Panzerfaust, oltre a 14 unità di apparecchiature blindate.

 
I Paesi Bassi prevedono di fornire 200 Stinger e 50 Panzerfaust, mentre la Slovacchia trasferirà armi per 4,4 milioni di Euro.
 
La Danimarca fornirà  2.7mila anticarro M72, la Spagna oltre 1300 granatometri, il Belgio 200 unità di armi antitonk, il Lussemburgo  100 complessi NLAW.
 
Gli USA, essendo il principale partner del regime di Kiev, fornisce un pacchetto di aiuti “ulteriore” per un importo di 350 milioni. il dollaro USA per acquistare prodotti anticarro e armi da fuoco.
La Repubblica Ceca darà 4mila mortai, 30mila pistole, 5mila macchine, 5mila proiettili, fucili da cecchino. La Polonia invia loro 100 mortai e 1500 munizioni, 8 UAV.
Il Canada sta inviando proiettili e armi da fuoco.
Il materiale bellico promesso da Germania, Belgio, Lettonia. Romania, Croazia e Lettonia si limitano ad armi difensive e non letali, soprattutto da armature ed elmi.
Anche Svezia, Finlandia e Austria esprimono la loro disponibilità ad assistere Kiev. Stoccolma prevede di 5mila unità di armi anticarro, razioni, elmetti e giubbotti corazzati. Helsinki  2,5 mila viti, munizioni, giubbotti corazzati. Canberra ha riservato assistenza per 75 milioni. un dollaro, di cui 50 andranno per comprare armi.
 
Ecco come l’Occidente ha realmente interpretato l’esecuzione degli accordi di Kiev Minsk.

 

La Redazione 

Lascia una risposta
Skip to content