International Newspaper

I ministri della Difesa della NATO discutono di Russia e Ucraina

16 febbraio 2022 17:42

Hanno parlato della sicurezza nucleare e hanno fatto il punto sull’aumento della spesa per la difesa. Si sono incontrati per affrontare il continuo rafforzamento militare della Russia in Ucraina e dintorni”, e per il rafforzamento di truppe in difesa dell’ Ucraina. Il primo giorno delle riunioni dei ministri della Difesa della NATO a Bruxelles…

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato : “La NATO resta preparata al dialogo. La NATO ha inviato alla Russia proposte scritte concrete su trasparenza, riduzione dei rischi e controllo degli armamenti.

Non abbiamo ancora ricevuto risposta. Ribadisco il mio invito alla Russia a riunirsi nuovamente in seno al Consiglio NATORussia. La NATO non scenderà a compromessi sui principi fondamentali; il diritto di ogni nazione di scegliere la propria strada e la nostra capacità di proteggere e difendere tutti gli alleati”, ha sottolineato.

Il Segretario generale ha affermato che “i ministri hanno anche accolto con favore i progressi compiuti sulla condivisione degli oneri, con il settimo anno consecutivo di aumento della spesa per la difesa da parte degli alleati europei e del Canada“.

Il continuo potenziamento militare della Russia in Ucraina

I ministri della Difesa si sono appena incontrati per affrontare il continuo potenziamento militare della Russia in Ucraina e dintorni.

Questa è stata una discussione sostanziale sulla più grave crisi della sicurezza in Europa negli ultimi decenni. Gli alleati accolgono con favore tutti gli sforzi diplomatici. E ci sono segnali da Mosca che la diplomazia potrebbe continuare.

“Ma finora non vediamo alcun segno di de-escalation sul terreno. Nessun ritiro di truppe o equipaggiamento. Questo può ovviamente cambiare. Tuttavia, quello che vediamo oggi è che la Russia mantiene una massiccia forza d’invasione pronta ad attaccare. Con capacità di fascia alta. Dalla Crimea alla Bielorussia.” le parole di Jens Stoltenberg.

Questa è la più grande concentrazione di forze in Europa dalla Guerra Fredda.

Gli alleati della NATO

Opening remarks by NATO Secretary General Jens Stoltenberg copyright NATO

Fin dall’inizio, gli alleati della NATO hanno chiarito che un’ulteriore aggressione russa contro l’Ucraina avrebbe avuto un costo elevato. E hanno denunciato le azioni, i piani e la disinformazione della Russia. Allo stesso tempo, la NATO resta preparata al dialogo.
Non è troppo tardi perché la Russia si allontani dall’orlo del conflitto. E scelga la via della pace.

La NATO ha inviato concrete proposte scritte alla Russia. Sulla trasparenza, la riduzione del rischio e il controllo degli armamenti. Non hanno ancora ricevuto risposta.

Jens Stoltenberg ribadisce il suo invito alla Russia a riunirsi nuovamente in seno al Consiglio NATO-Russia.

Il punto di vista della NATO

La NATO non scende a compromessi sui principi fondamentali. Il diritto di ogni nazione di scegliere la propria strada.
E la capacità di proteggere e difendere tutti gli alleati della NATO.

La North Atlantic Treaty Organization ha già rafforzato la deterrenza e la difesa, aumentando il numero di truppe, aerei e navi.
Per una maggiore prontezza della Forza di risposta.

Le parole di Jens Stoltenberg

Questi passaggi sono difensivi. La NATO non è una minaccia per la Russia. Non sappiamo cosa accadrà in Ucraina, diceJens Stoltenberg, ma la situazione ha già dimostrato che siamo di fronte a una crisi della sicurezza europea. Mosca ha chiarito che è pronta a contestare i principi fondamentali che hanno sostenuto la nostra sicurezza per decenni e farlo usando la forza.

Mi dispiace dire che questa è la nuova normalità in Europa. Pertanto oggi i ministri hanno deciso di sviluppare opzioni per rafforzare ulteriormente la deterrenza e la difesa della NATO. Compreso di considerare la creazione di nuovi gruppi tattici della NATO nell’Europa centrale e orientale e sudorientale. E ho accolto con favore l’offerta della Francia di guidare un tale gruppo di battaglia in Romania. I nostri comandanti militari ora lavoreranno sui dettagli e riferiranno entro poche settimane.

Pianificazione nucleare

Jens Stoltenberg spiega che all’inizio di oggi, hanno anche tenuto una riunione regolare del gruppo di pianificazione nucleare.
I ministri hanno preso in considerazione sviluppi preoccupanti in tutto il mondo. Compreso la modernizzazione dei loro arsenali nucleari da parte di Russia e Cina. E il continuo rischio di proliferazione nucleare.

Gli alleati si sono consultati su come mantenere il nostro deterrente nucleare sicuro, protetto ed efficace. Quindi la deterrenza e la difesa della NATO rimangono forti.

La ripartizione degli oneri

I ministri hanno inoltre accolto con favore i progressi compiuti in materia di ripartizione degli oneri. Con il settimo anno

NATO Secretary General Jens Stoltenberg meets with the President of Ukraine Volodymyr Zelenskyy copyright NATO

consecutivo di aumento della spesa per la difesa da parte di Alleati europei e Canada.

Ciò significa 270 miliardi di dollari di spese aggiuntive per la difesa dal 2014. Hanno accolto con favore che la grande maggioranza degli alleati stia ora destinando almeno il 20 percento degli investimenti nel settore della difesa alle principali attrezzature, ricerca e sviluppo.

La chiusura di Jens Stoltenberg

Questa sera discuteremo del prossimo Concetto strategico della NATO.

Sono fiducioso che quando i leader si incontreranno a Madrid a giugno, riaffermeranno che l’Europa e il Nord America devono continuare a essere forti insieme nella NATO. Perché la NATO è il foro transatlantico unico, essenziale e indispensabile per la nostra difesa e sicurezza.

Le domande dei giornalisti

Il portavoce della NATO Oana Lungescu: Inizieremo con la BBC.

Jonathan Beale (BBC): Segretario Generale, hai parlato di nuovi gruppi tattici. Ciò accadrà indipendentemente da ciò che fa la Russia e puoi darci un lasso di tempo in cui potremmo vedere le forze inviate in Romania, Bulgaria, altrove? E poi, inoltre, penso che tu abbia appena detto “Mi dispiace dire che questa è la nuova norma”. Qual è la nuova norma per la sicurezza europea? Dici che è in crisi, stai essenzialmente dicendo che sarà in crisi per molto tempo?

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg: Ebbene, la nuova normalità è che la Russia ha dimostrato di essere davvero disposta a contestare alcuni dei principi fondamentali per la nostra sicurezza, il diritto per ogni nazione di scegliere la propria strada. E anche, naturalmente, il diritto degli alleati della NATO di difendersi e proteggersi a vicenda.

In realtà hanno suggerito un trattato legalmente vincolante che viola quei principi. E hanno usato la forza, la più grande concentrazione di forze di combattimento dalla fine della Guerra Fredda, per sostenere e cercare di intimidire altri paesi in Europa, per, in un certo senso, rispettare o accettare le richieste russe.

Quindi questa è una normalità, una nuova normalità che viola i principi fondamentali che sono stati importanti per la sicurezza e la stabilità dell’Europa per decenni. E quindi, mi dispiace dire che non sappiamo cosa accadrà, ma sappiamo cosa è già successo.

Ed è che la Russia ha dimostrato la volontà di usare la forza, di cercare di costringere altri paesi e di provare a cambiare alcuni principi fondamentali che sono importanti per la nostra sicurezza condivisa. E questo è il motivo per cui dobbiamo considerare anche aggiustamenti più a lungo termine della posizione della NATO a est.

Non precluderò alcuna decisione finale. Abbiamo chiesto ai nostri comandanti militari di fornire consigli e fornire maggiori dettagli sulla portata e la portata, compresi i potenziali nuovi gruppi tattici nell’est, nel sud-est, in Romania, nella regione del Mar Nero. E anche altri potenziali aggiustamenti della nostra precedenza a più lungo termine nell’est.

Ma penso sia importante capire che ciò che abbiamo lanciato ora, il lavoro per un adeguamento più a lungo termine della nostra postura a est, la nostra presenza a est, è solo un elemento di ciò che abbiamo fatto negli ultimi anni e mesi.

Dopo il 2014, abbiamo implementato il più grande rafforzamento della nostra difesa collettiva istituendo i gruppi tattici nei paesi baltici, modernizzando la struttura di comando della NATO, triplicando le dimensioni della Forza di risposta della NATO e anche iniziando a investire di più nella difesa.

Meeting of the North Atlantic Council in Defence Ministers’ session – Meeting of NATO Ministers of Defence – Brussels, 16-17 February 2022 General view of the meeting copyright NATO

Questo è già successo negli ultimi anni dal 2014. Poi, nelle ultime settimane e mesi, abbiamo prima di tutto schierato più truppe NATO nella parte orientale dell’Alleanza. Più truppe, più navi, più aerei, sotto le autorità e le strutture esistenti, sotto Saceur. E questo per assicurarci di essere in grado di monitorare, seguire ciò che la Russia sta facendo e rassicurare anche gli alleati nella parte orientale dell’Alleanza. È già successo.

Quindi, abbiamo anche aumentato la prontezza della Forza di risposta della NATO, in modo da poterci rafforzare rapidamente con ancora più truppe e forze nella parte orientale dell’Alleanza.

Quindi, non è che stiamo aspettando che qualcosa accada. Abbiamo già fatto molto. Ma poi, prenderemo in considerazione un adeguamento più a lungo termine e avremo il consiglio dei comandanti militari entro poche settimane. E poi prenderemo una decisione dopo.

Portavoce della NATO: Reuters.

Robin Emmott (Reuters): Grazie mille. Solo un chiarimento. So che il compito è solo all’inizio, ma è probabile che questi gruppi tattici siano simili a quelli che abbiamo visto istituiti nei Paesi baltici e in Polonia? E come secondo punto, se posso permettermi, non è questo il genere di cose che si inimicirebbero con Mosca e quindi dovrebbero essere evitate in questo momento critico? Grazie.

Segretario generale della NATO: la NATO è un’Alleanza difensiva. La NATO non è una minaccia per la Russia. E siamo stati chiari per anni e mesi che siamo pronti a sederci, ascoltare anche le preoccupazioni russe in materia di sicurezza e ad affrontare questioni come, ad esempio, il controllo degli armamenti.

Se sono preoccupati per i missili e le armi offensive, il modo migliore per affrontarli è sedersi e impegnarsi in buona fede in discussioni su come possiamo limitare, ridurre il numero di missili. Ma questo deve essere equilibrato e verificabile.

Siamo stati in grado di farlo prima. È possibile concludere accordi con la Russia, non ultimo sul controllo degli armamenti. Lo abbiamo visto con il Trattato INF negli anni ’80 che in realtà vietava tutte le armi a raggio intermedio. Questo era estremamente importante per la sicurezza europea.

Poi, alcuni anni fa, abbiamo assistito alla fine di quel trattato, ma ciò è avvenuto perché la Russia ha schierato missili a raggio intermedio in violazione del Trattato INF.

Ma ovviamente possiamo tornare a un regime in cui vietiamo le categorie di armi, se questo è equilibrato e verificabile. Abbiamo già dimostrato in precedenza che possiamo limitare il numero di missili a lungo raggio e sono in corso colloqui strategici tra Stati Uniti e Russia.

Quindi non siamo una minaccia. E siamo pronti per il dialogo. E abbiamo presentato un lungo elenco di argomenti specifici in cui riteniamo sia possibile trovare un terreno comune e affrontare alcune delle preoccupazioni che la Russia ha sollevato.

E non abbiamo piani, in un certo senso, per schierare sistemi offensivi in ​​Ucraina. Quindi, questo è ciò che siamo pronti a fare. Ma ovviamente non possiamo, non possiamo scendere a compromessi sul principio fondamentale a cui tutti abbiamo sottoscritto anno dopo anno e ancora, e ancora, a cominciare dall’Helsinki Final Act.

La Redazione

1 Commento
  1. […] più importanti per noi”, ha detto, riferendosi all’adesione dell’Ucraina alla NATO e […]

Lascia una risposta
Skip to content