International Newspaper

E’ opera di un gruppo pro ucraino l’esplosione del Nord Stream

L'intelligence statunitense lo suggerisce

Secondo quanto riferito, le nuove informazioni esaminate dalle agenzie di intelligence statunitensi indicano che un gruppo pro-ucraino era dietro gli attacchi ai gasdotti Nord Stream l’anno scorso.Un premio Pulitzer un mese fa aveva affermato che Nord Stream erano un’operazione segreta a lungo pianificata condotta da sommozzatori della Marina che operavano sotto la copertura di esercitazioni…

Secondo quanto riferito, le nuove informazioni esaminate dalle agenzie di intelligence statunitensi indicano che un gruppo pro-ucraino era dietro gli attacchi ai gasdotti Nord Stream l’anno scorso.

Le parole dei funzionari

L’attacco a Nord Stream

Funzionari statunitensi senza nome informati sulla nuova intelligence hanno detto che indicava che attori pro-ucraini, probabilmente cittadini ucraini o russi, erano dietro le esplosioni, ha riferito martedì il New York Times.

I funzionari statunitensi hanno affermato di non avere prove che il gruppo fosse legato al presidente ucraino Volodymyr Zelensky o che gli autori stessero agendo per ordine di qualsiasi funzionario del governo ucraino. Hanno rifiutato di rivelare ulteriori dettagli sulla natura dell’intelligence, compresi i dettagli su come è stata ottenuta.

La posizione dell’Ucraina

L’Ucraina ha negato qualsiasi coinvolgimento nelle esplosioni di martedì.
“Anche se mi piace raccogliere divertenti teorie del complotto sul governo ucraino, devo dire: l’Ucraina non ha nulla a che fare con l’incidente del Mar Baltico e non ha informazioni sui ‘gruppi di sabotaggio pro-ucraini'”, ha detto il consigliere di Zelensky Mykhailo Podolyak su Twitter.

L’attacco a Nord Stream

I gasdotti gemelli Nord Stream sono stati colpiti da quattro esplosioni sottomarine a settembre. I funzionari europei hanno detto che le esplosioni hanno causato “danni estesi” a Nord Stream 1, la principale arteria del gas che collega la Russia all’UE e fornisce la maggior parte delle forniture del blocco fino a quando Mosca ha iniziato a limitare le sue consegne la scorsa estate.
 
I funzionari occidentali, anche negli Stati Uniti, lo avevano descritto come un atto di “sabotaggio”, anche se avevano smesso di

 

incolpare qualsiasi individuo o paese coinvolto nell’attacco.

 
Le autorità di sicurezza svedesi e danesi hanno indagato separatamente sulle esplosioni avvenute nelle loro zone economiche esclusive. Nessuno dei due paesi ha terminato le sue indagini o ha nominato un colpevole nelle esplosioni.

L’accusa di Seymour Hersh

 
Seymour Hersh, un giornalista investigativo vincitore del Pulitzer ed ex scrittore dello staff del New Yorker i cui recenti rapporti sono stati spesso sotto esame sia dalle amministrazioni Bush che Obama, ha affermato il mese scorso in un post di Substack che le esplosioni di Nord Stream erano un’operazione segreta a lungo pianificata condotta da sommozzatori della Marina che operavano sotto la copertura di esercitazioni.
I suoi rapporti hanno citato solo una singola fonte anonima ed è stato negato dalla Casa Bianca, anche se da allora la Russia aveva usato i suoi rapporti per affermare che gli Stati Uniti erano responsabili degli attacchi.
Le agenzie di intelligence statunitensi e la Casa Bianca non hanno risposto alla richiesta di commento del Washington Examiner sul presunto coinvolgimento del gruppo pro-ucraino o sul suo coinvolgimento nelle esplosioni.
 
La Redazione
Lascia una risposta
Skip to content