International Newspaper

La nuova ondata di azioni aggressive dell’Azerbaigian nei confronti dell’Artsakh

03 Agosto 2022

Il 3 agosto 2022, le forze armate dell’Azerbaigian, violando ancora una volta la Dichiarazione Trilaterale del 9 novembre 2020 dei leader di Armenia, Russia e Azerbaigian sulla cessazione delle ostilità nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh, hanno lanciato un’aggressione nell’area di responsabilità del contingente di mantenimento della pace russo, provocando vittime e feriti…

Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell’Artsakh condanna fermamente la nuova ondata di azioni aggressive dell’Azerbaigian nei confronti dell’Artsakh nei giorni scorsi e la qualifica come Armenofobia, nonché un altro brutale tentativo di violare la pace e la stabilità nella regione e screditare la missione di mantenimento della pace .

Le parole del Ministro dell’Artsakh

Il Ministero degli Esteri dell’Artsakh invita la comunità internazionale a fornire una valutazione mirata delle azioni dell’Azerbaigian e ad adottare misure adeguate per frenare la politica distruttiva del Baku ufficiale.
Il popolo di Artsakh è fermo e determinato a vivere liberamente e sovranamente nella propria terra e a superare tutte le difficoltà con onore.

Arayik Harutyunyan President Artsakh

“Come abbiamo già informato, il 3 agosto, a partire dalle 09:00, le unità azerbaigiane, violando gravemente il regime di cessate il fuoco, hanno preso di mira le postazioni militari e l’ubicazione permanente di una delle unità militari, utilizzando mortai e lanciagranate oltre a armi da fucile di diversi calibri. e attaccano gli UAV, a seguito dei quali i militari a contratto Gurgen Valeri Gabrielyan e Artur Yurii Khachatryan sono stati feriti a morte.

Il Ministero della Difesa della Repubblica dell’Artsakh condivide il forte dolore per la perdita ed esprime il proprio sostegno ai familiari, ai parenti e ai compagni dei militari caduti.

14 militari hanno ricevuto ferite di vario grado.

Si stanno adottando misure per stabilizzare la situazione con il comando delle truppe russe che svolgono una missione di mantenimento della pace nella Repubblica dell’Artsakh.

A partire dalle 18:00, la situazione tattica operativa è relativamente stabile.

Il Ministero della Difesa della Repubblica dell’Artsakh fornirà informazioni su ulteriori sviluppi”.

L’attacco del 3 Agosto

Il 3 agosto 2022, le forze armate dell’Azerbaigian, violando ancora una volta la Dichiarazione Trilaterale del 9 novembre 2020 dei leader di Armenia, Russia e Azerbaigian sulla cessazione delle ostilità nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh, hanno lanciato un’aggressione nell’area di responsabilità del contingente di mantenimento della pace russo, provocando vittime e feriti.

Nonostante i passi intrapresi dalla parte armena per raggiungere la stabilità e la pace nella regione, l’Azerbaigian continua la sua

Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell’Artsakh

politica pre-programmata di terrorizzare la popolazione del Nagorno-Karabakh, sottoponendola alla pulizia etnica e all’occupazione strisciante del Nagorno-Karabakh.

Non ci si può dimenticare dell’irruzione illegale delle forze armate azere in direzione del villaggio di Parukh il 24 marzo di quest’anno, l’attacco ai villaggi di Khtsaberd e Hin Tagher dell’11 dicembre 2020, nell’area di responsabilità del contingente di peacekeeping russo sono casi di analoga aggressione e violazione del cessate il fuoco.

Il Ministero dell’Artsakh ritiene inaccettabili le dichiarazioni della parte azerbaigiana che tentano di modificare unilateralmente il regime giuridico nel Corridoio di Lachin definito dalla disposizione 6 della Dichiarazione Trilaterale, e riaffermiamo che la strada che attraversa il Corridoio di Lachin può essere modificata solo secondo il piano approvato dal parti della Dichiarazione.

La Dichiarazione del 9 Novembre

Come è chiaramente definito dalla Dichiarazione del 9 novembre, entro il prossimo triennio le parti (cioè la Federazione Russa, la Repubblica di Armenia e la Repubblica dell’Azerbaigian) dovrebbero definire il piano per la costruzione di una nuova strada di traffico attraverso il Corridoio Lachin che collega l’Armenia con il Nagorno-Karabakh, con il successivo ridistribuzione del contingente russo di mantenimento della pace per la protezione di quella strada.

Il Ministero sottolinea che finora non esiste un piano del genere approvato all’interno di un formato trilaterale e invitano tutte le parti della Dichiarazione Trilaterale ad aderire ai loro impegni, a compiere sforzi immediati per attuare le condizioni stabilite dalla Dichiarazione del 9 novembre, compreso il mantenimento di un regime di cessate il fuoco, apertura di comunicazioni regionali, rilascio e ritorno di prigionieri di guerra, ostaggi e altri detenuti.

Ritengono necessario sottolineare ancora una volta che la Repubblica di Armenia ha adempiuto a tutti i suoi obblighi. Il motivo della mancata attuazione di una serie di disposizioni della dichiarazione trilaterale del 9 novembre sono le interpretazioni arbitrarie, la continua retorica aggressiva e le azioni dell’Azerbaigian.

La Repubblica di Armenia, ribadendo il suo impegno per l’agenda di stabilire la pace e la stabilità nella regione, invita la comunità internazionale ad adottare misure per fermare il comportamento aggressivo e le azioni dell’Azerbaigian e lanciare i necessari meccanismi internazionali per questo.

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content