International Newspaper

La Dieta Ketocollegata all’ infarto e all’ ictus

I risultati, presentati alla sessione scientifica annuale dell'American College of Cardiology

Seguire una dieta cheto-simile a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi potrebbe più che raddoppiare il rischio di problemi cardiovascolari come dolore toracico (angina), arterie bloccate che richiedono stent (piccole bobine che aprono le arterie), infarti e ictus, secondo un nuovo studio…

Seguire una dieta cheto a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi potrebbe più che raddoppiare il rischio di problemi cardiovascolari come dolore toracico (angina), arterie bloccate che richiedono stent (piccole bobine che aprono le arterie), infarti e ictus, secondo un nuovo studio.

I risultati della ricerca

Atherosclerosis – clogged artery and erythrocytes

I risultati, presentati alla sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology, suggeriscono che un piano alimentare in stile cheto potrebbe portare ad un aumento dei livelli di LDL (lipoproteine a bassa densità) – noto anche come colesterolo “cattivo” – che a sua volta può aumentare il probabilità di malattie cardiovascolari.

“Se stai seguendo una dieta a basso contenuto di carboidrati, i nostri dati suggeriscono che potrebbe essere importante monitorare i livelli di colesterolo”, afferma l’autore senior dello studio Liam Brunham, MD, responsabile medico della Healthy Heart Program Prevention Clinic presso il St. Paul’s Hospital di Vancouver e professore associato presso il dipartimento di medicina dell’Università della British Columbia in Canada.

“Se i livelli di colesterolo sono molto alti, consulta il tuo medico perché potrebbe davvero essere necessario prestare particolare attenzione alla gestione del rischio di malattie cardiache”, aggiunge il dott. Brunham.

Per condurre lo studio (che è considerato preliminare perché non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria per la pubblicazione su una rivista medica), Brunham e il suo gruppo di ricerca hanno analizzato le informazioni di oltre 70.000 persone nel Regno Unito che avevano completato un test una tantum , auto-segnalato, questionario dietetico di 24 ore. Allo stesso tempo, i ricercatori hanno effettuato prelievi di sangue per controllare i livelli di colesterolo dei soggetti.

Dalle risposte al questionario, 305 partecipanti hanno indicato di seguire una dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi.

Come funziona una dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi

Quando le persone limitano il consumo di carboidrati (presenti in alimenti come pane, pasta, prodotti da forno e alcuni tipi di frutta e verdura) e proteine, il corpo utilizza le proprie riserve di grasso come carburante; questo produce sostanze chimiche chiamate chetoni che il corpo usa poi come energia. Poiché questo processo, chiamato chetosi, brucia il grasso immagazzinato, può aiutare le persone a perdere peso.

L’International Food Information Council stima che ben l’8% degli americani seguisse una dieta chetogenica nel 2020.
Le persone che seguono una dieta chetogenica rigorosa in genere ottengono dal 70 all’80 percento delle loro calorie giornaliere dai grassi, dal 5 al 10 percento dai carboidrati e dal 10 al 20 percento dalle proteine, secondo l’Harvard T.H. Chan Scuola di Sanità Pubblica. Per includere un numero sufficiente di soggetti per trarre conclusioni significative, i ricercatori canadesi hanno cercato persone che seguissero una dieta cheto-simile che includesse più del 45% delle calorie giornaliere dai grassi e non più del 25% dai carboidrati.

I 305 soggetti che consumavano una dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi sono stati abbinati a 1.220 individui che hanno riferito di seguire una dieta standard composta da poco più del 50% delle calorie giornaliere dai carboidrati e quasi il 31% dai grassi.

Per ogni gruppo (cheto e standard), circa tre quarti erano donne e l’età media era di 54 anni.

LDL più alto e più problemi cardiaci per il gruppo Keto

Dopo una media di quasi 12 anni di follow-up, gli individui che seguivano una dieta cheto-simile avevano più del doppio del

Heart disease

rischio di avere diversi eventi cardiovascolari maggiori, come blocchi nelle arterie che necessitavano di stent, infarto, ictus e arteriopatia periferica. malattia. In tutto, il 9,8% nel gruppo a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi ha sperimentato un nuovo evento cardiaco, rispetto al 4,3% con una dieta standard.

Contrariamente ai soggetti che seguivano una dieta standard, quelli che seguivano una dieta povera di carboidrati e ricca di grassi avevano livelli significativamente più alti sia di colesterolo LDL che di apolipoproteina B (apoB), una proteina sulla superficie del colesterolo, che può essere un indicatore più accurato del rischio cardiovascolare rispetto alle sole LDL, secondo la ricerca.

Osservando la percentuale di persone in ciascun gruppo dietetico che sarebbe definito come affetto da colesterolo alto grave, gli scienziati hanno registrato il 5% nel gruppo dietetico standard contro quasi il 10% nel gruppo a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi.

“Probabilmente la dieta in cui c’è un grande consumo di grassi saturi da prodotti animali sta probabilmente contribuendo all’aumento del colesterolo”, afferma Brunham.

La connessione tra colesterolo LDL e malattie cardiache

Christopher Gardner, PhD, nutrizionista e professore di medicina alla Stanford School of Medicine che ha pubblicato una ricerca sugli effetti delle diete a basso contenuto di grassi e carboidrati ma non è stato coinvolto nell’ultimo studio, non è stato sorpreso dai risultati dello studio cheto .

“Il mio capo divisione è un cardiologo preventivo. Lo vede sempre: le persone arrivano dicendo che sono sotto cheto e il loro colesterolo LDL è alle stelle “, afferma il dott. Gardner. “Ogni volta che segui una dieta cheto, hai un alto contenuto di grassi saturi e poche fibre: non c’è altro modo per farlo. Quindi LDL aumenta.

Come lo descrivono i Centers for Disease Control and Prevention, troppe LDL nel corpo possono portare a un accumulo di placca nei vasi sanguigni, causandone il restringimento o il blocco.

Per quanto riguarda i principali limiti dello studio, Gardner sottolinea che l’indagine si basava su un unico rapporto dietetico di 24 ore e, sebbene la ricerca possa mostrare un aumento dei rischi da una dieta cheto-simile, non può provare che la dieta stesso causa questi risultati.

Tuttavia, trova preoccupanti le conclusioni dei ricercatori. “Se hai intenzione di provare una dieta chetogenica, dovresti farlo sotto la supervisione del medico in modo che possano vedere cosa sta succedendo al tuo colesterolo LDL”, dice.

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content