International Newspaper

Stagione dei pollini 2022

E' iniziata in anticipo e il conteggio è elevato

Tendenza per chi soffre di allergie: diagnosi e trattamento colpiti dalla pandemia. Vienna, 17 marzo 2022. Quest’anno il conteggio dei pollini è iniziato molto prima e i livelli sono più alti rispetto agli anni precedenti…

Alla conferenza stampa di Marzo tenuta dal Servizio austriaco di monitoraggio dei pollini di MedUni Vienna e dalla piattaforma informativa IGAV (Allergen Avoidance Interest Group), gli esperti hanno previsto che questa tendenza continuerà nel corso della stagione pollinica di quest’anno.

La pandemia e le sue conseguenze

Allergia da polline

Inoltre, la pandemia sta ulteriormente rallentando le cure, già spesso inadeguate, delle persone colpite. Si prevede che nuove misure porteranno miglioramenti nella diagnosi e nel trattamento delle allergie ai pollini.
Come mostra un’indagine tra i medici a livello dell’UE, l’immunoterapia allergene-specifica (AIT), che è importante per così tanti pazienti, è stata utilizzata molto meno all’inizio della pandemia rispetto al passato. Erika Jensen-Jarolim dell’Istituto di fisiopatologia e La ricerca sulle allergie presso MedUni Vienna e il presidente della Società austriaca di allergologia e immunologia (ÖGAI) hanno dichiarato: “Tuttavia, l’AIT è l’unica forma di trattamento che ha un effetto causale e il potenziale per prevenire lo sviluppo di ulteriori allergie o malattie secondarie come asma.” Solo un medico su dieci ha iniziato la terapia iniettiva come di consueto. Quasi il 60% ha dichiarato di aver posticipato l’inizio della terapia fino a un certo punto dopo la pandemia. La situazione era leggermente migliore con AIT sotto forma di compresse o gocce. Circa un terzo (35%) ha dichiarato di aver iniziato la terapia indipendentemente dalla pandemia.

“Nel frattempo, sebbene la situazione sia migliorata, l’arretrato che ne deriva è ancora sentito da medici e pazienti”, ha riferito Wolfram Hötzenecker, capo del dipartimento di dermatologia e venereologia presso il Kepler University Hospital, Linz, e vicepresidente dell’ÖGAI. “Gli allergici devono aspettare molto più del solito per gli appuntamenti nei centri specializzati. A peggiorare le assenze degli operatori sanitari dovute all’attuale variante altamente contagiosa dell’Omicron”.

Prevista un’elevata esposizione al polline di betulla

Oltre alle condizioni più gravi causate dalla pandemia, i soggetti allergici ai pollini sono stati colpiti prima e più intensamente quest’anno a causa delle temperature miti sopra la media di gennaio e febbraio. “Il conteggio dei pollini per il nocciolo e l’ontano è iniziato molto improvvisamente. Ad esempio, alberi e arbusti hanno rilasciato nel vento una quantità di polline superiore alla media, particolarmente debilitante per chi soffre di allergie”, Uwe Berger dell’Austrian Pollen Monitoring Service presso MedUni Vienna spiegato.
La successiva ondata di esposizione segue con frassino e betulla. Si prevede inoltre che fioriranno più intensamente quest’anno. Uwe Berger ha dichiarato: “L’inizio della stagione dei pollini di betulla quest’anno è previsto nelle ultime settimane di marzo, anch’esso prima del solito”. L’albero del viale diffuso ha un andamento biologico: una stagione più debole è seguita da una forte. “Dato che il 2021 è stata una stagione piuttosto mite, dovremmo aspettarci una forte stagione di fioritura quest’anno. Ciò è dimostrato anche dalla densità degli amenti di betulla, che quest’anno è ben al di sopra della media”.

Nuovi servizi per chi soffre di allergie e medici

Per ottenere miglioramenti nella diagnosi e nel trattamento delle allergie ai pollini, sono stati ora lanciati nuovi servizi per medici e pazienti presso il Servizio austriaco di monitoraggio dei pollini. Markus Berger dell’Austrian Pollen Monitoring Service presso

Allergia da polline

MedUni Vienna ha spiegato: “Tramite la piattaforma www.pollenallergie.at, i medici possono accedere alle informazioni sui loro pazienti e stabilire un collegamento al conteggio dei pollini nella regione della persona colpita”. Le annotazioni regolari dei pazienti sui loro sintomi allergici nel diario del polline, che può essere trovato su www.pollentagebuch.at e fa parte dell’app polline, costituiscono la base per questo servizio. Wolfram Hötzenecker ha affermato: “Questo servizio fornisce ai medici informazioni preziose e fa risparmiare tempo. Perché se i medici sanno a quale allergene reagiscono i loro pazienti, possono condurre un’anamnesi mirata e supportare ulteriormente la loro decisione terapeutica. Il servizio può essere utilizzato anche per valutare il trattamento successo negli anni”.

Più utenti inseriscono le loro condizioni mediche nel diario dei pollini, più mirate possono essere le offerte del Servizio austriaco di monitoraggio dei pollini. Pertanto, l’app polline fornisce sempre una panoramica rapida e individuale di dove e a quale livello si trovano attualmente nell’aria i dodici più importanti fattori scatenanti di allergia. Questa offerta viene ulteriormente sviluppata su base continuativa. Attualmente, la leggibilità è stata semplificata. È stata inoltre allestita una sezione FAQ. Le informazioni sui pollini possono ora essere ottenute anche tramite il servizio di messaggistica istantanea Telegram.

Al via la nuova formazione per esperti di allergia

Poiché il numero di chi soffre di allergia ai pollini continua ad aumentare, c’è anche una crescente necessità di specialisti che siano informati nella diagnosi e nel trattamento di questa condizione. La nuova formazione interdisciplinare “Specializzazione in Allergia” ha lo scopo di porre rimedio a questa situazione. Specialisti e medici di base possono iniziare il programma di formazione di 18 mesi a partire da questa estate. “Un raggio di speranza per il numero crescente di persone allergiche nel nostro Paese che hanno urgente bisogno di medici esperti”, ha affermato Wolfram Hotzenecker.

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content