International Newspaper

Fruturos – Tempos Amazônicos

Dal 17 dicembre 2021 al 12 giugno 2022 presso Museu do Amanhã di Rio De Janeiro

Fruturos – Tempos Amazônicos è una realizzazione del Museo del Domani, gestito dall’Istituto di Sviluppo e Gestione e realizzato dal Comune di Rio. Presentato dal Vale Cultural Institute, attraverso la Culture Incentive Law, lo spettacolo ha collaborazioni con IPAM, AFP, Globo e Agência Sapiens…

Con il tempo come filo conduttore della sua narrazione, la mostra temporanea Fruturos – Tempos Amazônicos arriva al Museu do Amanhã, a Rio de Janeiro, il 17 dicembre, data in cui celebrano il loro sesto anniversario.

In sette aree, la mostra presenta la grandezza, la biodiversità e la conoscenza presenti nel più grande bioma tropicale del mondo, propone nuove scoperte sul rapporto tra foresta e clima e sottolinea l’urgenza della sua conservazione.

L’Amazzonia

Presente in otto paesi e un territorio, occupando quasi la metà del Brasile, l’Amazzonia ospita attualmente più di 30 milioni di persone, migliaia di specie vegetali ed è una delle regioni più ricche di biodiversità del globo. Per riflettere questa grandezza,

Fruturos – Tempos Amazônicos

Fruturos – Tempos Amazônicos sarà la mostra con il maggior numero di manufatti nella storia del Museo di domani. La mostra, oltre ad essere costruita dal riutilizzo di pezzi di altre mostre che sono già passate attraverso l’attrezzatura culturale, presenterà anche oggetti realizzati dal lavoro di artigiani indigeni provenienti da diverse regioni del paese.

“La mostra offre una prospettiva aggiornata sul bioma amazzonico, che è gigantesco, copre diversi paesi e, oltre ad avere un’enorme biodiversità, è anche socialmente diversificato. Intendiamo mostrare le attuali sfide dell’Amazzonia, i diversi scenari che si configurano dall’attuale modello di sviluppo socioeconomico e dalla proposta di un nuovo modello che si basi sulla scienza, sui saperi tradizionali e sull’impegno per la foresta in piedi”, spiega Leonardo Menezes, Direttore della Conoscenza e della Creazione al Museum of Tomorrow e curatore della mostra.

“La mostra Fruturos è arrivata in un buon momento, perché va oltre la foresta e la ricchezza della sua biodiversità, parla anche della diversità culturale di coloro che la abitano, della sua gente. Vale conosce bene la regione. È lì da 30 anni, contribuendo a proteggere un’area di 800mila ettari di foresta, il Mosaico di Carajás, equivalente a cinque volte la città di San Paolo”, afferma Maria Luiza Paiva, vicepresidente esecutivo della Sostenibilità di Vale.

“È con grande orgoglio che l’Instituto Cultural Vale si unisce a questo viaggio nel tempo, nei ‘Frutti amazzonici’, che ci avvicina alle esperienze di millenni, secoli e decenni nella più grande foresta tropicale del mondo. La mostra ci invita a riflettere sui diversi modi di vivere, vivere e creare nella regione ea ripensare alle influenze di queste culture nelle nostre vite. Ci uniamo a questo percorso, guardando alla traiettoria di Vale di oltre tre decenni per la conservazione dell’Amazzonia e alle molteplici manifestazioni artistiche e culturali che il Vale Cultural Institute sostiene nella regione; e andiamo avanti insieme, guardando al tempo che abbiamo d’ora in poi”, afferma Luiz Eduardo Osorio, vicepresidente esecutivo delle relazioni istituzionali e della comunicazione di Vale e presidente del consiglio di amministrazione del Vale Cultural Institute.

Il percorso

Il visitatore potrà sentirsi parte della foresta dall’ambientazione, che porterà attività interattive, elementi che rivelano la diversità dell’Amazzonia e l’atmosfera sonora della regione. Condotto da una narrazione temporale, lo spettacolo si collega alle esperienze di millenni, secoli e decenni che convivono oggi in Amazzonia, oltre a evidenziare le prospettive per il futuro. Le sezioni affronteranno temi quali fauna, flora, popoli e cultura, offrendo informazioni sulla vita quotidiana delle popolazioni locali, le tradizioni perpetuate e le molteplici lingue utilizzate.

“Ciò che ha guidato il lavoro di supporto scientifico alla mostra, in primo luogo, è l’affascinante universo dell’Amazzonia, che è

Fruturos – Tempos Amazônicos

uno degli ecosistemi più ricchi del pianeta e, allo stesso tempo, uno dei più minacciati. Inoltre, c’è anche l’importanza di portare i temi del bioma a un vasto pubblico in un modo bello, giocoso e semplificato in modo che chiunque possa capirlo. Tutti questi aspetti sono rilevanti e strategici per la società brasiliana nel suo insieme”, afferma lo scienziato Paulo Artaxo, capo consulente della mostra.

La mostra mette in luce anche le trasformazioni dilaganti che hanno attraversato negli anni le leggi ambientali. Lo sviluppo economico adottato negli ultimi decenni ha portato problemi come l’urbanizzazione disordinata, oltre alle attività illegali di estrazione e accaparramento di terre. Affrontando questi temi, la mostra mira a incoraggiare il pubblico a riflettere sui modi per impegnarsi in un modello di sviluppo che preservi lo stato del bosco, principalmente attraverso l’unione di scienza e conoscenza tradizionale.

Agenda 2030

L’attività è compresa nell’Agenda 2030 dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), che prevedono 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG), clicca qui per saperne di più.

Obiettivo 6: garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari.
Obiettivo 10: ridurre la disuguaglianza all’interno e tra i paesi
Obiettivo 11: Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili
Obiettivo 13: intraprendere azioni urgenti per combattere il cambiamento climatico e i suoi impatti
Obiettivo 14: Conservazione e uso sostenibile degli oceani, dei mari e delle risorse marine per lo sviluppo sostenibile
Obiettivo 15: proteggere, ripristinare e promuovere l’uso sostenibile degli ecosistemi terrestri, gestire in modo sostenibile le foreste, combattere la desertificazione, fermare e invertire il degrado del suolo e fermare la perdita di biodiversità

1 Commento
  1. […] mostra si articola attraverso i 4 livelli del corpo interno del palazzo, innescando una sorta di […]

Lascia una risposta
Skip to content