International Newspaper

Dispaccio dall’Ucraina

12 Marzo 2022 ore 19.55

Il ministero della Difesa ucraino accusa i russi di aver attaccato una colonna di donne e bambini provocando vittime e di aver inviato in Ucraina mercenari dall’Abkhazia, Sud Ossezia e carcerati. Il Ministero della Difesa russo accusa le bande naziste ucraine di violenze di ogni genere, di uno stato senza più regole legali e del mancato rispetto del cessate il fuoco dell’esercito ucraino sui corridoi umanitari, situazione ormai quotidiana…

Il diciassettesimo giorno di guerra volge al termine e la situazione è sempre più tragica e violenta.

Ministero della Difesa Ucraino

Continua il diciassettesimo giorno dell’eroica resistenza del popolo ucraino all’invasione militare russa.

Portavoce Ministero della Difesa ucraino

A causa di un fallito tentativo di condurre un’offensiva, gli occupanti furono costretti a cambiare tattica. A causa di notevoli problemi logistici e comunicazioni allungate, il nemico non è in grado di fornire alle sue unità carburante e olio, cibo e munizioni, il che incoraggia gli occupanti a ricorrere al saccheggio di locali, negozi, farmacie e altro ancora. Inoltre, le azioni degli occupanti sono accompagnate da numerosi casi di gravi reati contro civili.

Le unità di occupazione abbandonate sono demoralizzate e presentano una condizione morale e psicologica estremamente bassa.

Sono aumentati i casi di tentativi di rientro sul territorio della federazione russa da soli.

Viste le pesanti perdite di personale da combattimento e i problemi legati al reclutamento di unità di riserva, il comando delle forze armate della federazione russa coinvolge in operazioni di combattimento in Ucraina i cosiddetti “coscritti” dal territorio di separati di severi degli oblast di Donetsk e Luhansk (ORDLO) e mercenari dall’Abkhazia, Sud Ossezia e prigionieri delle strutture penitenziarie della federazione russa.

In quasi tutte le aree di avanzamento, gli occupanti stanno cercando di conquistare un punto d’appoggio nei confini precedentemente catturati, ma non hanno avuto molto successo.

Il nemico continua a lanciare attacchi missilistici e bomba su infrastrutture critiche, quartieri residenziali e campi di aviazione, cinicamente ignorando le regole del diritto umanitario internazionale.

Nella direzione Volyn, c’è una minaccia di sabotaggio presso strutture militari e infrastrutture civili.

Il gruppo delle forze di difesa continua a condurre un’operazione di difesa nelle direzioni meridionali, orientali e settentrionali, coprendo il confine di stato dell’Ucraina e la costa marittima. In alcuni ambiti si sta effettuando un intervento di stabilizzazione e si stanno svolgendo compiti di difesa territoriale.

L’attacco ad una colonna di donne e bambini

I russi hanno sparato a una colonna di donne e bambini nella regione di Kiev.

L’11 marzo, durante un tentativo di evacuazione dal villaggio di Peremoga (distretto di Baryshiv nella regione di Kiev) verso il villaggio di Gostroluch čya dietro il corridoio “verde”, dagli occupanti è stata fucilata una colonna di civili, che consisteva esclusivamente in donne e bambini.

Presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy

Il risultato di questo atto brutale è di sette morti. Uno di loro è un bambino. Il numero esatto di feriti è attualmente sconosciuto.

Dopo la sparatoria, gli invasori costrinsero i resti della colonna a tornare al villaggio della Vittoria e non furono liberati dall’insediamento. Al momento è praticamente impossibile contattarli, nonché fornire cure umanitarie e mediche.

Ricordiamo che la questione della protezione dei civili durante i conflitti armati è regolata dalle norme del diritto umanitario internazionale. In particolare, la quarta Convenzione di Ginevra “Sulla protezione dei civili durante la guerra”.

Secondo queste regole, attacchi intenzionali contro civili che non combattono direttamente equivalgono a un crimine militare.

Il Presidente Zelenskyy

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy sottolinea che è impossibile sconfiggere il popolo ucraino, quindi la guerra che è stata condotta contro il nostro paese, la Russia, sicuramente finirà con la nostra vittoria – è solo questione di tempo. Questo è quanto ha detto il Capo dello Stato durante un incontro con i rappresentanti dei media stranieri.

Ministero della Difesa Russo

Gli elicotteri Ka-52 delle forze aerospaziali russe

Le Forze Armate della Federazione Russa, proseguendo l’offensiva su un ampio fronte, presero il controllo di Novoandreevka, Kirillovka e raggiunsero la linea Novomayorskoye – Pavlovka – Nikolskoye – Vladimirovka – Blagodatnoye. L’anticipo era di 12 chilometri.

Il raggruppamento di truppe della Repubblica popolare di Lugansk ha preso il controllo di Molodezhnoye, Vozgorye e ha conquistato la parte meridionale e centrale di Popasnaya. I distaccamenti avanzati della milizia popolare di Lugansk hanno raggiunto la periferia di Severodonetsk.

Durante la giornata, l’aviazione e la difesa aerea delle forze aerospaziali russe hanno abbattuto 1 elicottero Mi-24 dell’aviazione ucraina e 3 veicoli aerei senza pilota, di cui 1 Bayraktar TB-2.

L’aviazione operativo-tattica, dell’esercito e senza pilota ha colpito 79 infrastrutture militari dell’Ucraina, tra cui: 4 posti di comando e centri di comunicazione, 2 sistemi missilistici antiaerei, 3 MLRS, 1 stazione di guerra elettronica, 6 depositi di munizioni e carburante e 54 aree di concentrazione di equipaggiamento militare.

In totale, durante l’operazione, sono stati disabilitati 3.593 oggetti delle infrastrutture militari dell’Ucraina.

Distrutto: 61 elicotteri, 126 velivoli senza pilota, 1.159 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 118 sistemi di lancio multiplo di razzi, 436 cannoni e mortai di artiglieria da campo, 973 unità di veicoli militari speciali.

Distruzione del deposito di munizioni dei nazionalisti ucraini

Il filmato mostra il personale militare ucraino che carica munizioni nell’edificio di stoccaggio. Dopo che il carico è stato completato, il deposito viene distrutto da un colpo preciso di un proiettile ad alta precisione.

Gli elicotteri Ka-52 delle forze aerospaziali russe hanno distrutto i veicoli corazzati delle forze armate ucraine.

I civili ostaggi e vittime di bande naziste ucraine

Ecco uno degli appelli di oggi ricevuti dal Ministero della Difesa russo : “Vi chiedo di salvare mia sorella con due bambini piccoli. Si trovano a Kiev. Il percorso del corridoio umanitario Kiev – Chernobyl non è sicuro. I militanti non li lasciano andare. Messaggiando con mia sorella mi ha detto che le informazioni sui corridoi forniti sono bloccate dai servizi speciali ucraini. Mia sorella non vuole viaggiare nell‘Ucraina occidentale e oltre in Polonia e ricevere lo status di rifugiata. Per favore aiutami. “

Il Ministero della Difesa russo afferma che i rappresentanti del cosiddetto “mondo civile” occidentale, continuano a negare l’esistenza del neonazismo in Ucraina. Ma i fatti oggettivi mostrano un quadro completamente diverso:

L’attuale governo ha deliberatamente e penalmente legalizzato l’uso incontrollato e impunito di armi da fuoco da parte di cittadini sul territorio dell’Ucraina, rilasciando di fatto “licenze per omicidio” in quo segni di istruzione, che ha già portato a innumerevoli fatti di saccheggi, rapine, banditismo e morte di civili.

Le forze dell’ordine e i sistemi giudiziari dell’Ucraina sono paralizzati e non svolgono più le loro funzioni. Le indagini preliminari con la partecipazione delle autorità competenti non vengono svolte, i tribunali hanno cessato le loro attività e le condanne sono pronunciate da coloro che hanno in mano le armi.

Gli agenti di polizia locale hanno paura di svolgere pratiche burocratiche su eventuali reati penali e illeciti amministrativi, poiché in realtà sono diventati “bersagli” per migliaia di banditi rilasciati dalle autorità ufficiali di Kiev dai luoghi di detenzione.

Oggi a Mariupol bande armate di neonazisti hanno inscenato un’altra cosiddetta “irruzione di saccheggio” su edifici residenziali, durante la quale, sotto minaccia di violenze fisiche, hanno sottratto gli ultimi viveri, vestiti e oggetti di valore ai civili e a coloro che hanno mostrato una minima resistenza sono stati fucilati sul posto.

I corridoi umanitari non rispettati dall’ Ucraina

Nonostante il pieno rispetto del cessate il fuoco da parte delle Forze armate della Federazione Russa, la parte ucraina continua a violare cinicamente gli accordi raggiunti sull’apertura di corridoi umanitari verso la Russia. La notifica della popolazione nelle città di Kiev, Chernigov, Kharkov, Sumy e Mariupol semplicemente non è stata effettuata.

L’ufficiale di Kiev, come precedentemente, continua a insistere sul fatto che non ci sono civili e cittadini stranieri che vogliono recarsi nel territorio della Federazione Russa. Ma l’aumento quotidiano del numero di appelli ricevuti dal Ministero della Difesa russa attraverso vari canali di comunicazione da cittadini ucraini, nonché da stranieri con richieste di evacuazione, suggerisce il contrario. Solo nell’ultimo giorno sono stati registrati 19.963 ricorsi di questo tipo e ce ne sono già 2.638.989 con cognomi e indirizzi specifici da quasi 2.000 insediamenti in Ucraina.

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content