International Newspaper

Discorso del presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy al Parlamento federale del Belgio

31 Marzo 2022 ore 16.55 trascrizione

Il Premier ucraino dichiara che l’esercito russo non rilascia persone nel territorio libero dell’Ucraina e non consente alcun carico umanitario a Mariupol. Zelenskyy chiede ai belgi perchè l’Europa non vuole aiutare l’Ucraina e perchè ha paura. Infine paragona la situazione a Mariupol alle battaglie avvenute a Ypres…

Zelenskyy in video conferenza con il Parlamento Belga.

Discorso

Zelenskyy parla al Parlamento Belga 31 Marzo 2022

Cara signora Presidente della Camera dei Rappresentanti!

Cara signora Presidente del Senato!

Caro signor Primo ministro!

Cari signore e signori, deputati e membri del governo!

Cari belgi!

Otto anni di guerra. 36 giorni di invasione su vasta scala della Federazione Russa. Molte persone si aspettavano che il nostro stato e il nostro popolo sarebbero stati in grado di resistere alle truppe russe per così tanto tempo?

Siamo onesti: no. Pochi. Pensavano che saremmo caduti sotto i colpi delle truppe russe. Ma abbiamo resistito. Il nostro popolo ha sopportato. Stiamo combattendo. Stiamo difendendo la nostra libertà, stupendo il mondo con il coraggio degli eroi ucraini, delle nostre forze armate ucraine e di tutti i cittadini ucraini che non si arrendono, che credono nella vittoria.

Nel sud del nostro stato c’è una città di Mariupol, che hai menzionato oggi. Le sono molto grato, signora Presidente. Una delle città più promettenti ed economicamente potenti dell’Ucraina. Questo era prima di questa guerra. E ora oltre il 90% di tutti gli edifici di questa città sono completamente distrutti dagli attacchi russi: aerei, artiglieria, mortai, carri armati. Migliaia di pacifici residenti di Mariupol sono morti. Le persone sono sepolte solo in città. Nei cortili dei grattacieli. O meglio, cosa rimane dei grattacieli.

Mariupol

Mariupol è sotto blocco completo da più di tre settimane. L’esercito russo ha chiuso tutti gli ingressi alla città e ha bloccato l’accesso dal mare. Conoscete tutti questi dettagli, non c’è niente in città: niente acqua, niente cibo, niente medicine, niente vita. Non c’è niente di cui hai bisogno per sostenere nessuna vita.

Ma Mariupol non si arrende. Mariupol continua a combattere gli occupanti. I suoi difensori avevano una scelta: potevano lasciare la città e darla agli invasori russi. Non l’hanno fatto.

Ogni giorno cerchiamo di fare di tutto per far funzionare i corridoi umanitari di Mariupol! Salvare i civili che rimangono ancora in città. Donne e bambini, anziani… In parte, ci riusciamo. Ma nella maggior parte dei casi, l’esercito russo non rilascia persone nel territorio libero dell’Ucraina. E non consente alcun carico umanitario a Mariupol.

Perchè l’Europa non vuole aiutarci?

Oggi è il posto più orribile d’Europa. È l’inferno. È una catastrofe che tutti conoscono, il mondo intero. Ma nessuno è abbastanza

Zelenskyy parla al Parlamento Belga 31 Marzo 2022

determinato da aiutare a fermare la catastrofe in questa città e in altre città del nostro paese.

E ora voglio chiedere a tutti – voglio chiedertelo, voglio chiedere a tutti gli europei che mi ascoltano ora. Cosa sperano i difensori di Mariupol? Cosa sperano i difensori di altre città, paesi e villaggi dell’Ucraina? In tutte quelle aree in cui le battaglie non sono meno spaventose di quelle che avevi vicino a Ypres. O forse è ancora peggio a Mariupol… Non lo so.

I difensori delle nostre città sperano nella chiusura dei cieli sull’Ucraina ai missili e agli aerei russi? Sanno che non c’è coraggio per farlo.

Pensano se il nostro Stato soddisfa i criteri per aderire all’Unione europea? Il nostro stato, che ha già dato migliaia di vite nella guerra per la libertà in Europa

I residenti di Mariupol o i difensori di qualsiasi altra città dell’Ucraina calcolano il livello delle perdite delle società europee dalla cessazione dell’attività nel mercato russo? Pensano ai soldi?

No. Non lo sperano. Non calcolarlo. Perché è esattamente quello che meritano.

D’accordo, questi sono mondi completamente diversi. Il mondo di coloro che lottano davvero per la libertà. Qui e ora. Contro la tirannia. Contro una tirannia che vuole dividere l’Europa e distruggere tutto ciò che ci unisce.

Tutto ciò che ti unisce… E il mondo di coloro che sono così abituati alla libertà che non vogliono nemmeno notare quanto vale la lotta per questo. Il mondo di coloro che credono che i diamanti russi ad Anversa, ad esempio, siano più importanti della guerra nell’Europa orientale.

O il mondo di coloro che credono che l’accessibilità dei porti europei alle navi russe sia più importante del tentativo della macchina militare russa di distruggere l’intera nazione intorno a te. 40 milioni di ucraini!

L’Ucraina è degna l’Europa può dire lo stesso?

La domanda principale nella vita di ogni persona non è ciò che questa persona spera, ciò che questa persona pensa o calcola… La domanda principale è di cosa sia degna questa persona.

E io, come presidente di un paese degno, mi rivolgo a lei con dichiarazioni abbastanza logiche. Con ciò che è chiaro alla stragrande maggioranza del mondo, all’Europa, agli europei in diversi paesi. Abbiamo visto questi sondaggi, sappiamo come le persone ci sostengono.

I nostri difensori meritano di ricevere dall’Europa per la libertà di cui stanno combattendo le armi che fermeranno sicuramente l’offensiva russa, e quindi l’inizio della tirannia.

Quando parliamo di aerei, carri armati, sistemi di artiglieria, armi anti-nave, stiamo parlando di ciò che è veramente necessario. E quello che hanno i paesi dell’Unione europea, i paesi della NATO.

I nostri difensori meritano che le aziende europee smettano finalmente di fare soldi insieme a coloro che stanno cercando di distruggerci.

L’Ucraina nell’Unione Europea

Zelenskyy parla al Parlamento Belga 31 Marzo 2022

I nostri difensori meritano di non pensare ai criteri, ma di sapere che l’Ucraina sarà un membro dell’Unione europea. Perché se perdono, se perdiamo Mariupol e altre città ucraine, non ci sarà più un’Unione europea forte. Perché la tirannia verrà a portarti via tutto ciò che possiedi e di cui sei orgoglioso.

Certo, non te lo auguriamo. E questa non è affatto una minaccia. Questa è la realtà. Lo sentiamo. Questa è una dichiarazione di tutti i fatti in cui viviamo. Una dichiarazione di ciò che è chiaramente visibile da Mariupol – il quartier generale della resistenza europea. Di ciò che è chiaramente visibile dall’Ucraina – la sede della dignità europea.

E sono sicuro che quegli stimati quartieri generali che si trovano sulla tua bellissima terra sono pienamente consapevoli di tutto ciò che ti sto dicendo. Se ne rendono conto. Anche se, forse, non parlano ad alta voce. Quindi, insieme in Europa, siamo degni delle imprese che gli ucraini dimostrano nella guerra per la libertà. Per un’Europa libera e contro la tirannia. Contro la Russia.

Il sostegno del Belgio e la richiesta di armi e sostegni

Le siamo grati, molto grati al suo stato per il sostegno che avete già fornito. Il Belgio è stato uno dei primi a fornirci assistenza difensiva. Questo è un momento storico, una gratitudine storica. Non lo dimenticheremo mai.

Avete già accolto calorosamente più di 30.000 ucraini che hanno lasciato le loro case a causa di questa guerra. Ma sei tu, come cuore dell’Europa, che puoi ispirare tutti gli altri europei a fare di più. Per aiutarci a cacciare gli occupanti dall’Ucraina e ripristinare la preziosa pace.

Pace che vale più di ogni altra cosa, più di qualsiasi valore, più di qualsiasi diamante. Più di qualsiasi accordo con la Russia. Più di qualsiasi nave russa nei porti europei. Più di qualsiasi barile di petrolio russo.

Ognuno di voi sa cosa deve essere fatto per ripristinare la pace. Essere veramente degno dell’Europa. Quindi aiutaci, fallo! Armi. Sanzioni. Adesione all’UE.

E presto il futuro ti ringrazierà.

Gloria a tutti i nostri eroi!

Gloria all’eroica città di Mariupol!

Grazie sinceramente al tuo stato!

Gloria all’Ucraina!

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content