International Newspaper

Briefing del Generale Valery Gerasimov

22 Dicembre 2022

Punti salienti del Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Federazione Russa – Primo Vice Ministro della Difesa della Federazione Russa, Generale dell’Esercito Valery Gerasimov, durante un briefing per gli addetti militari stranieri.
Quest’anno il Ministero della Difesa della Federazione Russa è stato impegnato in una serie di attività. Mi concentrerò su quella primaria, che è l’operazione militare speciale…

Il Briefing del Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Federazione Russa – Primo Vice Ministro della Difesa della Federazione Russa, Generale dell’Esercito Valery Gerasimov si è svolto il 22 Dicembre 2022 dopo l’intervento del giorno precedente del Ministro della Difesa Russo Sergej Shoigu.

Un estratto delle parole del Ministro Shoigu

Sergej Shoigu

“…Attualmente, una forza occidentale unificata sta combattendo le truppe russe in Ucraina.

Gli Stati Uniti ei loro alleati stanno armando il regime di Kiev, addestrando soldati, fornendo informazioni, inviando consiglieri e mercenari, oltre a impegnarsi in una campagna di propaganda e sanzioni contro la Russia.

La leadership ucraina ha fatto ricorso a metodi di scontro proibiti, inclusi attacchi terroristici e omicidi a contratto, e il fuoco di armi pesanti contro i civili. I paesi occidentali stanno cercando di ignorare tutto questo, così come gli elementi del ricatto nucleare, come le provocazioni sulla centrale nucleare di Zaporozhye e gli scenari per preparare una cosiddetta bomba sporca.

È ovvio che l’attuale stato di cose è ampiamente vantaggioso per gli Stati Uniti, che intendono utilizzarlo per sostenere la propria egemonia globale e indebolire altre nazioni, compresi i suoi amici in Europa.

Destano particolare preoccupazione l’espansione della presenza avanzata della NATO vicino alle frontiere della Federazione Russa e della Repubblica di Bielorussia, insieme all’intenzione dell’Occidente di continuare le operazioni militari in Ucraina nel tentativo di indebolire la Russia il più possibile…”

Il discorso del generale Gerasimov (trascrizione)

Quest’anno il Ministero della Difesa della Federazione Russa è stato impegnato in una serie di attività. Mi concentrerò su quella primaria, che è l’operazione militare speciale.

Nella sessione estesa di ieri del Consiglio del Ministero della Difesa, il Presidente e il Ministro della Difesa hanno fornito un aggiornamento approfondito sui suoi progressi. Aggiungo qualche parola.

Il processo di sviluppo della statualità dell’Ucraina con l’assistenza delle nazioni occidentali è stato condotto come “anti-russo” dall’inizio degli anni ’90. L’apoteosi si è verificata nel 2014 quando ha avuto luogo un colpo di stato e i neofascisti che sostenevano il nazionalismo ucraino banderista hanno preso il controllo del governo.

Nel sud-est dell’Ucraina, i neofascisti hanno scatenato una lotta armata interna. Credevano che fosse fatto per soffocare il dissenso e il semplice desiderio della popolazione del Donbass di parlare russo.

Con l’assistenza diretta delle nazioni occidentali, l’Ucraina si è trasformata in uno stato altamente ostile nei confronti della Russia all’inizio di quest’anno.

I civili venivano indottrinati con un intenso antirussismo e l’ideologia neonazista aveva essenzialmente preso il sopravvento come ideologia ufficiale. Nel tentativo di riconquistare il Donbass e la Crimea con la forza, lo stato e la società ucraini sono stati attivamente militarizzati.

Le forze armate russe hanno condotto l’operazione militare speciale dal 24 febbraio per rimuovere il pericolo militare dall’Ucraina.

È iniziato con attacchi a lungo raggio e ben pianificati contro aeroporti, installazioni di difesa aerea, centri di comando e controllo, depositi di munizioni e arsenali. i raggruppamenti stabiliti di truppe hanno lanciato un assalto nelle loro aree di responsabilità assegnate utilizzando i risultati degli attacchi di fuoco.

Va sottolineato che le ostilità si estesero su una vasta area e furono feroci fin dall’inizio.

La Repubblica popolare di Lugansk fu liberata da operazioni offensive attive di gruppi di truppe, la città portuale di Mariupol fu conquistata con perdite minime e fu stabilito il pieno controllo sulla costa del Mar d’Azov e sui territori delle regioni di Kherson e Zaporozhye.

Il sostegno USA, Nato e UE all’Ucraina

Nonostante le significative perdite di personale e equipaggiamento militare, il nemico ha continuato a resistere attivamente a causa di un aumento dell’assistenza militare globale da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati, nonché delle attività di mobilitazione.

I neonazisti hanno ottenuto l’accesso ad armi ad alta precisione e a lungo raggio per volere dei curatori occidentali e il loro uso ha minacciato, tra le altre cose, di distruggere le strutture di ingegneria idraulica della centrale idroelettrica di Kakhovka, che potrebbe provocare inondazioni del Regione di Kherson e bloccare e distruggere una parte del gruppo di forze meridionale sulla riva destra del Dnepr. In questo senso si è deciso di evacuare i civili e le truppe sono state sistematicamente ritirate da questa zona.

Nel corso delle ostilità, Kiev impiega tattiche terroristiche, compreso l’uso di civili come scudi umani, impedendo ai civili di lasciare le città attraverso corridoi umanitari istituiti dalla parte russa, intimidendo i civili con l’artiglieria, torturando i prigionieri di guerra, bombardando le città con fosforo vietato munizioni ed estrarle con mine a petalo antiuomo. Per il governo ucraino, i tentativi di omicidio contro giornalisti e funzionari governativi nelle regioni di Zaporozhye e Kherson, nonché nelle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, sono diventati routine.

Usando strategie di terrorismo nucleare quest’estate, l’Ucraina ha minacciato l‘Europa con una catastrofe nucleare alla centrale nucleare di Zaporozhye. Il bombardamento sistematico della sua regione veniva condotto quasi ogni giorno. L’unico motivo per cui questo sito nucleare è ancora sicuro è a causa delle abili ed efficaci misure di copertura adottate dalle forze armate russe.

Per prolungare la battaglia, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno costantemente aumentato il loro sostegno militare a Kiev. L’importo totale dei finanziamenti esteri forniti all’Ucraina è stato di circa $ 100 miliardi.

Quando si tratta di fornire armamenti, Stati Uniti, Regno Unito, Polonia e Romania forniscono il massimo.

Dall’inizio dell’operazione militare speciale, l’Occidente ha consegnato a Kiev un totale di quattro aerei, più di 30 elicotteri, oltre 350 carri armati, circa 1.000 veicoli corazzati da combattimento, almeno 800 veicoli corazzati, fino a 700 sistemi di artiglieria, 100 MLRS , 130.000 armi anticarro, oltre 5.300 MANPAD e almeno 5.000 UAV per vari scopi.

Nonostante l’assistenza militare e finanziaria su larga scala fornita dall’Occidente al regime di Kiev, nonché il dispiegamento di mercenari nell’area del conflitto, le forze armate russe continueranno l’operazione militare speciale pianificata per svolgere tutti i compiti fissati dal Comandante supremo in capo.

Come parte dell’operazione, missili hanno colpito più di 1.300 strutture critiche. Ciò ha ridotto significativamente le capacità di combattimento delle forze armate ucraine (AFU), ha interrotto il sistema di comando e controllo delle truppe, ha paralizzato il lavoro del complesso militare-industriale e ha notevolmente ostacolato il trasporto militare.

Le armi ipersoniche sono state impiegate per la prima volta in battaglia. Il sistema missilistico dell’aviazione Kinzhal ha dimostrato di essere estremamente efficiente e non influenzato dai sistemi di difesa aerea ucraini.

Con circa 150 missioni di combattimento al giorno, l’aviazione operativa, tattica e dell’esercito svolge i propri compiti con una forte intensità di combattimento. Più di 11.000 pezzi di materiale militare appartenenti all’AFU sono stati distrutti.

I veicoli aerei senza equipaggio sono spesso utilizzati in missioni di ricognizione e attacco. Sono stati usati per annientare più di 600 bersagli e rivelarne circa 8.000.

Era necessaria un’espansione della forza combattente e numerica delle truppe per stabilizzare la situazione, difendere nuove regioni e lanciare ulteriori offensive.

La mobilitazione parziale

Per fare ciò è stata effettuata una mobilitazione parziale, che ha portato a chiamare in riserva 300.000 civili.

22 Dicembre 2022 Briefing del Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Federazione Russa – Primo Vice Ministro della Difesa della Federazione Russa, Generale dell’Esercito Valery Gerasimov

Va sottolineato quanto siano impegnate e civiche le persone di questa nazione. Più di 20.000 persone si sono arruolate nell’esercito come volontari.

Il personale mobilitato ha partecipato all’addestramento per le operazioni di combattimento, che includevano tutto, dallo sviluppo delle abilità individuali alla coesione del combattimento dell’unità.

La mobilitazione parziale ha permesso di aumentare significativamente le capacità di combattimento delle truppe, migliorare il combattimento e la forza numerica delle formazioni e creare riserve aggiuntive.

Di conseguenza, le forze armate russe hanno intensificato le operazioni di combattimento, infliggendo danni irreparabili al nemico in termini di forza lavoro e equipaggiamento. Hanno preso sotto il loro controllo cinque volte più territorio ucraino di quello che era in precedenza nelle repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk.

Attualmente la linea di contatto si estende per 815 km. Alla luce delle misure adottate per rafforzare le capacità di combattimento delle truppe, la situazione in prima linea si è stabilizzata, con gli sforzi principali delle truppe russe concentrati sul completamento della liberazione del territorio della Repubblica popolare di Donetsk. Inoltre, il fuoco continua a essere diretto contro strutture critiche per i trasporti e le infrastrutture energetiche in profondità nel territorio ucraino, siti di stoccaggio di carburante, missili e munizioni, armi e attrezzature militari, nonché riserve operative in luoghi di schieramento temporaneo.

Il meccanismo di controllo degli armamenti messo in atto negli ultimi decenni è quasi crollato a causa delle attività dell’Occidente.

Il Trattato START

Solo il Trattato START è ancora in vigore al di fuori dell’intero arsenale di misure di controllo delle armi. Tuttavia, a causa delle restrizioni COVID, non tutti i meccanismi di questo accordo funzionano come previsto. Anche i limiti delle sanzioni che le nazioni europee hanno incautamente imposto a qualsiasi contatto tra militari hanno esacerbato i problemi.

Le azioni della NATO continuano ad avere un effetto significativo sulla situazione della sicurezza in Europa. A scapito della sicurezza delle nazioni europee, gli Stati Uniti vedono l’Alleanza come un veicolo per difendere gli interessi americani su scala mondiale.

I passi concreti verso la rapida integrazione di Svezia e Finlandia nell’alleanza mostrano che, sotto la minaccia inverosimile della Russia, Washington sta cercando di portare l’alleanza NATO il più vicino possibile ai confini russi attraverso il coinvolgimento di nuovi satelliti.

Le azioni dell’Alleanza non fanno che aumentare le tensioni e ridurre il livello di sicurezza proprio sulla linea di contatto Russia-NATO.

Gli Stati Uniti ei loro alleati mirano anche ad aumentare il confronto geopolitico con la Russia nell’Artico. Viene contestato il diritto del nostro Paese di utilizzare la rotta del Mare del Nord, che rappresenta una delle principali sfide alla sicurezza nella regione.

Allo stesso tempo, la NATO, con il pretesto di “rispondere” alle azioni delle forze armate russe nella regione polare, sta attuando una serie di misure per rafforzare il “fianco settentrionale” dell’Alleanza e sta conducendo un’aggressiva campagna di informazione accusando Russia di militarizzare l’Artico.

La Dottrina Marittima della Federazione Russa, approvata quest’anno, include la piattaforma continentale oltre la zona economica esclusiva di 200 miglia della Federazione Russa nel bacino artico e le acque della rotta del Mare del Nord come aree vitali per gli interessi nazionali nell’Oceano Mondiale .

La nostra presenza nell’Artico non riguarda una dimostrazione di potenza militare, ma garantire lo sviluppo economico della regione, compresa la navigazione lungo la rotta del Mare del Nord e progetti di estrazione di risorse naturali.

Allo stesso tempo, l’Alleanza del Nord Atlantico cerca di globalizzare le sue funzioni ed estendere la sua sfera di influenza ad altre parti del mondo.

La politica occidentale in Asia centrale

In Asia centrale, la politica occidentale, dettata da una crescente rivalità per il controllo del carburante, dell’energia e di altre materie prime della regione, stanno avendo un impatto negativo.

Una maggiore cooperazione e influenza militare nel Transcaucaso, anche attraverso l’apparente volontà di risolvere la questione del Nagorno-Karabakh, è una parte importante delle aspirazioni.

Ma l’esperienza dell’Afghanistan mostra il contrario. Dopo 20 anni di presenza dei membri degli Stati Uniti e della NATO nel paese come parte della missione Resolute Support, lo stato e l’economia dell’Afghanistan sono crollati. Le minacce alla sicurezza provenienti dal paese – la diffusione dell’estremismo religioso, il terrorismo internazionale, il traffico di droga e l’immigrazione clandestina – stanno destabilizzando l’intera regione. È impossibile per l’Afghanistan risolvere questi problemi da solo.

La situazione in Siria rimane tesa. I principali fattori destabilizzanti nel paese includono la continua occupazione del suo territorio sovrano, nonché la minaccia di organizzazioni estremiste radicali provenienti dalla zona di de-escalation di Idlib e azioni di sabotaggio e terroristiche, comprese le azioni contro i militari russi.

La situazione militare e politica nell’Est si modella sullo sfondo dei tentativi degli Stati Uniti di rompere il consolidato sistema di cooperazione regionale basato sull’ASEAN nella regione Asia-Pacifico.

Ciò è evidenziato dall’annuncio dell’iniziativa AUCCUS da parte di Stati Uniti, Australia e Regno Unito. I piani per espandere questa partnership per includere nuovi partner regionali non sono nascosti. AUKUS viene fusa con la NATO. Il vertice di giugno dell’alleanza ha dichiarato l’intenzione di garantire il proprio ruolo dominante nella regione Asia-Pacifico. Questo nonostante il fatto che tutti i paesi della NATO siano a migliaia di chilometri di distanza da questa regione.

Un’altra pericolosa tendenza regionale è l’attenzione di AUKUS sullo sviluppo di una flotta di sottomarini a propulsione nucleare in Australia. I sottomarini nucleari sono apparentemente necessari per scoraggiare la marina cinese. Questa logica fa eco alle azioni degli Stati Uniti nel ritirarsi dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio. La distruzione di questo accordo è stata motivata dall’opposizione a Russia e Cina.

Per destabilizzare la situazione nella regione, gli Stati Uniti stanno progressivamente attuando una serie di misure provocatorie contro la Cina per sostenere l’indipendenza di Taiwan, accompagnate da varie azioni pubbliche.

Rimangono irrisolti i problemi di stabilità nella penisola coreana, la risoluzione delle dispute territoriali interstatali, comprese le rivendicazioni di Tokyo sulle Isole Curili russe, e la crescita dell’attività terroristica nei paesi della regione.

L’evoluzione militare russa per difendere

Nella situazione in evoluzione, la Federazione Russa continua le attività pianificate per rafforzare le capacità di difesa del Paese.

Durante l’anno, le Forze Armate hanno affrontato i compiti di aumentare le capacità di combattimento, migliorare l’addestramento del personale, i metodi di gestione delle truppe e delle armi e fornire armi e attrezzature moderne.

Le forze nucleari strategiche hanno continuato a riattrezzarsi con sistemi missilistici moderni e avanzati ea modernizzare gli aerei dell’aviazione a lungo raggio.

La quota di armi moderne nella triade nucleare è stata portata al 91,3%.

Nell’ultimo anno sono state prese le misure necessarie per migliorare le capacità di combattimento delle forze generali, anche tenendo conto dell’esperienza dell’operazione militare speciale.

La composizione e la struttura organizzativa delle formazioni e delle unità militari sono state migliorate. Alle truppe dei distretti militari, della Flotta del Nord e delle Forze aviotrasportate furono fornite oltre 3.100 armi corazzate, di artiglieria a razzo e di altro tipo.

22 Dicembre 2022 Briefing del Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Federazione Russa – Primo Vice Ministro della Difesa della Federazione Russa, Generale dell’Esercito Valery Gerasimov

Per garantire la sicurezza della Federazione Russa dalle direzioni oceaniche e marittime, vengono costruite navi a lungo e corto raggio e viene migliorato il sistema di base della Marina.

Al fine di parare potenziali minacce alla Federazione Russa in ambito aerospaziale, si sta migliorando la difesa aerospaziale del paese, il cui nucleo è rappresentato dalle Forze aerospaziali.

Le formazioni e le unità militari delle forze aerospaziali vengono equipaggiate con moderni sistemi di aviazione ed elicotteri d’attacco modernizzati. Nuovi sistemi e stazioni radar per vari scopi vengono forniti alle forze tecniche missilistiche e radio antiaeree.

Le capacità dei veicoli aerei senza equipaggio sono aumentate grazie alla formazione di nuove unità e all’equipaggiamento delle forze armate di moderni complessi con droni da ricognizione e d’attacco.

L’addestramento al combattimento rimane una priorità per le Forze Armate.

Più di duemila membri delle forze armate di 14 paesi stranieri hanno partecipato al gruppo di forze della coalizione multinazionale.

Il prossimo anno, i principali eventi di addestramento per le forze armate saranno le manovre delle truppe e delle forze Zapad 2023 e l’esercitazione operativa congiunta delle forze armate della Repubblica di Bielorussia e della Federazione Russa Shit Souza 2023.

I contingenti militari delle forze armate degli Stati partner saranno invitati alle manovre come parte del gruppo di forze della coalizione.

Al fine di rafforzare le misure di rafforzamento della fiducia, il Ministero della Difesa della Federazione Russa continua a intensificare l’interazione con i partner stranieri.

Il partenariato con gli stati del CSI

La priorità continua ad essere data allo sviluppo del partenariato e delle relazioni alleate con gli Stati membri della CSI, allo sviluppo della componente militare della CSTO e all’interazione tra i dipartimenti della difesa degli Stati membri della SCO.

All’inizio di quest’anno è stata condotta per la prima volta un’operazione di mantenimento della pace della CSTO nel territorio del Kazakistan, che ha dimostrato la disponibilità degli stati della CSTO a risolvere congiuntamente compiti e proteggere i propri interessi. Il successo dell’operazione è il risultato di regolari eventi di addestramento congiunto in cui vengono praticate le questioni dell’antiterrorismo e dell’interazione nello svolgimento di compiti di mantenimento della pace.

Quest’anno, in Tagikistan, è stata condotta un’esercitazione congiunta, Rubezh, con unità della Forza di reazione rapida collettiva della regione di sicurezza dell’Asia centrale.

In Kazakistan, nel corso dell’esercitazione Vzaimodeistvie, è stata praticata una serie di questioni con le forze di schieramento rapido collettivo della CSTO. Le forze di intelligence e di ricognizione dell’Organizzazione hanno dimostrato le loro capacità nell’esercitazione Poisk e le forze di supporto logistico delle truppe nell’esercitazione Eshelon.

L’esercitazione congiunta russo-bielorussa Reshimost 2022, Souznaya, è stata condotta sul territorio della Repubblica di Bielorussia.

L’attuazione pratica del partenariato strategico con la RPC ha incluso pattugliamenti navali e aerei russo-cinesi nella regione Asia-Pacifico, nonché esercitazioni ed esercitazioni. Lo scopo di queste attività è migliorare la coesione di combattimento delle truppe e delle forze dei due paesi e la loro capacità di contrastare nuove sfide e minacce. Questa cooperazione è una risposta naturale all’aggressivo rafforzamento militare degli Stati Uniti nella regione. Allo stesso tempo, non creeremo alleanze e nuove linee di divisione nella regione come Washington. Stiamo conducendo gli esercizi nel rigoroso rispetto del diritto internazionale.

Cari signore e signori!

Il prossimo anno continueremo a lavorare per creare le condizioni per la stabilizzazione della situazione globale e regionale, nonché per lo sviluppo progressivo ed equilibrato dell’Esercito e della Marina per garantire il pacifico sviluppo sociale ed economico del Paese.

La cooperazione militare con gli eserciti di Stati esteri rimane una priorità. Attendiamo con impazienza il coinvolgimento attivo degli addetti militari nel mantenere una cooperazione costruttiva.

In conclusione, mi congratulo con te per le prossime festività: Natale e Capodanno 2023. Auguro a te e alle tue famiglie salute e prosperità.

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content