International Newspaper

Briefing a seguito della 9a Conferenza di revisione degli Stati parti della BWC

Del Tenente generale Igor Kirillov, capo delle truppe di protezione nucleare, biologica e chimica delle forze armate russe

Dal 28 novembre al 16 dicembre 2022 si è tenuta a Ginevra la nona conferenza di revisione degli Stati parti della convenzione sulle armi biologiche e tossiniche. incidenza dell’influenza suina H1N1 e la diffusione della peste suina africana. La conferenza ha affrontato lo stato attuale della BWC, il rispetto delle sue disposizioni, l’aumento della ‘trasparenza’ dei programmi biologici nazionali…

La conferenza ha affrontato lo stato attuale della BWC, il rispetto delle sue disposizioni, l’aumento della ‘trasparenza’ dei programmi biologici nazionali.

Il briefing di Igor Kirillov (trascrizione)

Briefing a seguito della 9a Conferenza di revisione degli Stati parti della BWC del tenente generale Igor Kirillov, capo delle truppe di protezione nucleare, biologica e chimica delle forze armate russe

Permettetemi di ricordarvi che la Federazione Russa ha proposto una serie di iniziative per rafforzare il regime di non proliferazione delle armi biologiche e migliorare le misure di rafforzamento della fiducia nel quadro della Convenzione.

Innanzitutto, rinegoziare un protocollo legalmente vincolante per il BWC con un meccanismo di verifica efficace che includa elenchi di agenti patogeni, tossine, attrezzature specializzate e sia completo.

Il secondo è l’ampliamento del formato delle misure di rafforzamento della fiducia fornendo informazioni sulla ricerca e lo sviluppo della difesa biologica effettuati al di fuori del territorio nazionale.

Il terzo è l’istituzione del comitato consultivo scientifico per valutare i progressi della scienza e della tecnologia, che avrebbe un’ampia rappresentanza geografica e pari diritti dei partecipanti.

Il quarto è l’utilizzo di équipe biomediche mobili all’interno del BWC.

Tuttavia, queste proposte sono state bloccate dall’Occidente collettivo. Solo le proposte per l’avvio dei negoziati sulla formazione del comitato consultivo scientifico non hanno sollevato obiezioni.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato esplicitamente che non consentiranno di pronunciarsi sull’importanza di un protocollo legalmente vincolante e di procedure di verifica nel documento finale, sebbene più di 120 paesi abbiano sostenuto l’iniziativa.

Le delegazioni occidentali hanno spinto per decisioni solo su questioni di loro interesse, senza tener conto delle priorità di altri Stati.

L’attenzione del forum è stata deliberatamente deviata su questioni secondarie e meccanismi BWC alternativi.

Il predominio degli USA, le pandemie e le attività USA in Ucraina

Ad esempio, durante la conferenza, l’organizzazione non governativa statunitense Nuclear Threat Initiative ha proposto la

Briefing a seguito della 9a Conferenza di revisione degli Stati parti della BWC del tenente generale Igor Kirillov, capo delle truppe di protezione nucleare, biologica e chimica delle forze armate russe

creazione di un meccanismo congiunto sotto gli auspici delle Nazioni Unite per indagare sugli incidenti biologici.

Gli americani immaginavano che la nuova entità colmasse il divario tra il meccanismo investigativo del segretario generale sul presunto uso di armi biologiche e le indagini sanitarie ed epidemiologiche dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Uno dei motivi della sua creazione è che gli Stati Uniti non sono contenti delle conclusioni di un gruppo di esperti dell’OMS sulle cause di una nuova pandemia di coronavirus. Apparentemente vorrebbero avere uno strumento più leale e controllato per indagare sui focolai di malattie infettive.

Analogamente al Meccanismo del Segretario Generale, sarà stabilito un elenco di esperti, basato sui principi della Missione d’inchiesta che opera all’interno dell’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche.

A lungo termine, ciò renderà imputabile il meccanismo e consentirà ai paesi occidentali di “nominare” gli autori come meglio credono.

Gli americani erano particolarmente sensibili alle proposte di sancire nel documento finale le violazioni degli obblighi degli Stati Uniti e dell’Ucraina ai sensi della BWC e la loro condotta di attività biologiche militari sul territorio ucraino.

La nuova documentazione sulle armi biologiche USA in Ucraina

A margine della 9a Conferenza di revisione, il ministero della Difesa russo ha tenuto un briefing sui risultati della riunione consultiva, che ha avuto luogo nel settembre 2022. Sono state presentate prove documentate che con il supporto finanziario, scientifico, tecnico e personale degli Stati Uniti, il lavoro con componenti di armi biologiche e ricerche sui patogeni di infezioni particolarmente pericolose ed economicamente significative sono state condotte sul territorio dell’Ucraina.

Come argomentazioni sono state presentate riprese video che riflettono la posizione di esperti russi e internazionali, nonché testimonianze di testimoni oculari e partecipanti a programmi della Defense Threat Reduction Agency (DTRA) statunitense. Uno di loro è l’ex Istituto di ricerca dell’esercito degli Stati Uniti del ramo dei servizi terrestri Richard Bosher, che ha confermato ancora una volta che il lavoro con agenti patogeni pericolosi è stato svolto nei bio-laboratori ucraini finanziati dal Pentagono.

L’intervento russo ha indotto molti Stati partecipanti a riflettere sui rischi posti dall’impegno con Washington nella sfera biologico-militare, nonché a riconsiderare la necessità e la fattibilità di tale cooperazione.

Kenneth Ward, capo della delegazione statunitense, ha rifiutato di rispondere alle accuse della Russia sulla questione delle violazioni della BTWC, ragionando, citando: ‘…Mosca non è mai stata interessata ad ascoltare le risposte degli Stati Uniti a domande specifiche sui laboratori biologici in Ucraina, quindi intendiamo rifiutare ogni ulteriore chiarimento.

Questa posizione degli Stati Uniti e il blocco di qualsiasi iniziativa per riprendere i lavori sul meccanismo di verifica della Convenzione dimostra, secondo Kirillov,  ancora una volta che Washington ha qualcosa da nascondere e che garantire la trasparenza nel rispetto della Convenzione non fa il gioco degli Stati Uniti.

Le parole di Kirillov sulla censura applicata dagli USA (trascrizione)

Abbiamo già citato il rapporto del DITRA sulle attività in Ucraina, pubblicato da una ONG statunitense. Il Pentagono ha

Briefing a seguito della 9a Conferenza di revisione degli Stati parti della BWC del tenente generale Igor Kirillov, capo delle truppe di protezione nucleare, biologica e chimica delle forze armate russe

pesantemente censurato il documento, cancellando completamente circa l’80% delle informazioni.

Una versione ampliata di questo rapporto è stata messa a disposizione del Ministero della Difesa russo che rivela i nomi, le posizioni di specialisti e responsabili di progetti biologici, un elenco dei laboratori coinvolti, nonché prove di esercitazioni ed esercitazioni con agenti patogeni altamente pericolosi.

Secondo il documento, gli esecutori dei programmi biologico-militari sono l’Istituto ucraino contro la peste Mechnikov, l’Istituto di medicina veterinaria e l’Istituto di ricerca di epidemiologia e igiene di Lviv. Il rapporto contiene informazioni su tre appaltatori del Pentagono, le identità di trenta membri del personale di laboratorio e sette dirigenti dell’establishment della difesa statunitense.

I documenti pubblicati integrano e corroborano le informazioni ottenute durante l’operazione militare speciale in Ucraina.

In precedenza abbiamo presentato materiali che confermano il coinvolgimento di Hunter Biden e della sua Rosemont Seneca Foundation, nonché di altre entità controllate dal Partito Democratico degli Stati Uniti, nel finanziamento dei principali appaltatori del Pentagono che operano in Ucraina.

È stato dimostrato quanto profondamente il figlio di un presidente degli Stati Uniti in carica, Hunter Biden, sia coinvolto nel finanziamento della società Metabiota controllata dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Tuttavia, alcuni partecipanti a progetti chiusi rimangono nell’ombra, sebbene siano attori chiave nel programma biologico-militare dell’Ucraina.

I progetti chiusi e le Big Pharma

Includono l’ex direttore del DITRA Kenneth Myers, il vicepresidente esecutivo del fondo di capitale di rischio In-Q-Tel controllato dalla CIA Tara O’Toole, l’ex capo dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie Thomas Frieden, l’ex direttore del National Institutes of Health Francis Collins, ex direttore esecutivo del Battelle Memorial Institute Jeffrey Wadsworth, capo scienziato e presidente della ricerca internazionale, sviluppo e medicina di Pfizer e molti altri.

Tutti loro, in un modo o nell’altro, sono beneficiari dei progetti biologici del Pentagono e sono legati al Partito Democratico degli Stati Uniti, i cui leader agiscono come le menti della ricerca biologico-militare e i creatori di schemi segreti di riciclaggio di denaro a beneficio di un ristretto circolo delle élite statunitensi.

È a queste persone che dovrebbe essere chiesto perché il denaro dei contribuenti viene speso per ricerche biologiche-militari illegali in Ucraina e in altri paesi del mondo.

Va notato che il lobbismo delle grandi aziende farmaceutiche è uno dei motivi per cui gli Stati Uniti hanno bloccato il meccanismo di verifica della Convenzione.

Briefing a seguito della 9a Conferenza di revisione degli Stati parti della BWC del tenente generale Igor Kirillov, capo delle truppe di protezione nucleare, biologica e chimica delle forze armate russe

All’inizio degli anni ’90, come parte della BWC, la Russia ha accettato di aprire laboratori non militari a funzionari statunitensi e britannici su base reciproca.

Come concordato, un team di esperti russi ha effettuato sopralluoghi negli stabilimenti del colosso farmaceutico Pfizer con un preavviso di 48 ore.

Tali visite hanno provocato una reazione estremamente negativa da parte dei produttori farmaceutici statunitensi. Con il pretesto che le ispezioni mettono a repentaglio gli interessi commerciali e la proprietà intellettuale, ogni ulteriore tentativo di attuare procedure di controllo è stato bloccato dal governo statunitense.

Nell’interesse delle cosiddette Big Pharma, l’amministrazione statunitense sta spostando ricerche legalmente ed eticamente discutibili in “paesi terzi”. Allo stesso tempo, ciò consente di non dichiarare la ricerca commissionata dal dipartimento militare statunitense nella relazione annuale ai sensi delle misure di rafforzamento della fiducia del BWC.

Secondo quanto riferito, il Pentagono sta trasferendo attivamente la ricerca incompiuta nei progetti ucraini agli stati dell’Asia centrale e dell’Europa orientale. Parallelamente, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sta intensificando la sua cooperazione con gli stati dell’Africa e dell’Asia-Pacifico: Kenya, Cambogia, Singapore e Tailandia.

Di particolare interesse per le forze armate statunitensi sono gli stati che hanno già alti livelli di laboratori di contenimento biologico.

I laboratori USA biologici

Briefing a seguito della 9a Conferenza di revisione degli Stati parti della BWC del tenente generale Igor Kirillov, capo delle truppe di protezione nucleare, biologica e chimica delle forze armate russe

In vista della 9a Conferenza di revisione, il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari del disarmo, Nakamitsu, ha dichiarato, cito, “… la Convenzione sulle armi biologiche è il meno efficace dei trattati sul disarmo perché non esiste un processo chiaro per verificarne la conformità. Lì ci sono molte aree grigie, soprattutto quando si tratta di ricerca scientifica svolta in laboratorio…’

Esempi di tali ricerche includono il lavoro in corso negli Stati Uniti per migliorare le funzioni dei patogeni, compresa la creazione di un agente artificiale di infezione da coronavirus presso la Boston University.

Come abbiamo già notato, il virus modificato risultante aveva un tasso di letalità dell’80% e causava sintomi neurologici atipici e gravi danni ai polmoni.

Il coinvolgimento di Fauci nel Covid

Nonostante i divieti formali, il budget degli Stati Uniti viene speso per la ricerca sul duplice uso. A questo proposito, la parte

repubblicana ha avviato un’indagine sul direttore dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive e capo consigliere medico del presidente Biden, Anthony Fauci. È stato confermato il finanziamento pubblico tramite un’organizzazione intermediaria per esperimenti volti a migliorare la patogenicità dei virus, compresi i coronavirus, la cui incidenza non era diffusa fino al 2019.

L’indagine ha scoperto che Fauci ha mentito apertamente e ha deliberatamente nascosto il coinvolgimento del governo degli Stati Uniti nei programmi di ricerca.

Allo stesso tempo, è stata rivelata la sua collusione con la gestione dei social media per manipolare l’opinione pubblica sulle cause del COVID-19.

Tali rivelazioni sollevano domande legittime per gli Stati Uniti sulle cause di nuovi agenti patogeni causati dall’uomo e sui modelli di diffusione della pandemia.

Tornando all’esito della conferenza, i tentativi degli Stati Uniti e dei loro alleati di “modificare” la Convenzione per adattarla ai loro interessi hanno portato al mancato raggiungimento di un accordo di principio sul rafforzamento del regime BWC e il documento finale è stato adottato senza un accordo finale dichiarazione. Iniziative chiave della Federazione Russa, della Cina e di altri stati sono state bloccate dalle delegazioni occidentali in quanto “non essenziali” o “insufficientemente elaborate”.

L’evento ha evidenziato le profonde contraddizioni nell’attuazione della Convenzione, esacerbate dall’ossessione degli Stati Uniti per il dominio globale che la Casa Bianca ha incorporato nei documenti di pianificazione strategica della biosicurezza.

La 9a Conferenza di revisione ha ricevuto pochissima copertura sui media occidentali, che hanno ignorato non solo le dichiarazioni degli Stati partecipanti, ma anche il fatto stesso del forum internazionale.

Vediamo questo come un tentativo da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati di tacere sullo scomodo tema della ricerca militare-biologica per l’Occidente, di lasciare spazio di manovra e, ancora una volta, di bloccare le iniziative per rafforzare il regime di non proliferazione delle armi biologiche.

Chiara Bazzani

Lascia una risposta
Skip to content