International Newspaper

Intel, in ritardo l’impianto da 20 miliardi in Ohio per la produzione di chip

(Adnkronos) – Le condizioni di mercato sfavorevoli e i ritardi nell'allocazione dei finanziamenti governativi hanno portato a una posticipazione della data di completamento prevista per il progetto da 20 miliardi di dollari di Intel, che prevede la costruzione di impianti di produzione di semiconduttori nello stato americano dell'Ohio, come riportato dal Wall Street Journal. Intel aveva annunciato il piano di aprire due strutture nel gennaio 2022, avviando i lavori nei siti nove mesi dopo, con la previsione iniziale che la costruzione degli impianti cominciasse nel 2025. Tuttavia, si vocifera ora che l'avvio della produzione sia stato posticipato alla fine del 2026. Nel momento dell'annuncio del progetto, il CEO di Intel, Pat Gelsinger, aveva dichiarato che gli investimenti negli Stati Uniti avrebbero "contribuito a soddisfare la domanda senza precedenti di chip". L'iniziativa è stata inoltre presentata come un sostegno alla causa del paese nella competizione con l'industria dei semiconduttori in rapida crescita in Cina. In una dichiarazione al WSJ, Intel ha sottolineato che sono stati fatti significativi progressi nel progetto. La società aveva precedentemente dichiarato che l'ampiezza e il ritmo del progetto dipendono "fortemente dai finanziamenti del CHIPS and Science Act degli USA", un programma governativo a sostegno dello sviluppo tecnologico e scientifico del paese. La scorsa settimana, Reuters ha riportato che alcuni sussidi nell'ambito del programma verranno probabilmente assegnati prima del discorso presidenziale all'inizio di marzo. La legislazione ha ricevuto l'approvazione del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, nell'agosto del 2022. —tecnologiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Lascia una risposta
Skip to content