International Newspaper

YouTube rimuoverà i video che diffondono falsità sull’aborto

La mossa annunciata giovedì dal sito di video di proprietà di Google.

YouTube inizierà a rimuovere i video fuorvianti sull’aborto in risposta alle falsità diffuse sulla procedura che è stata vietata o limitata in un’ampia fascia degli Stati Uniti. La mossa annunciata giovedì dal sito di video di proprietà di Google arriva circa un mese dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato Roe v. Wade, il caso che aveva protetto la legalità dell’aborto nel Paese per quasi 50 anni…

YouTube ha affermato che eliminerà i contenuti che promuovono aborti domestici non sicuri, nonché la disinformazione sulla sicurezza di sottoporsi alla procedura nelle cliniche situate negli stati in cui rimane legale.
L’epurazione dei video ingannevoli sull’aborto aumenterà nelle prossime settimane, secondo YouTube.

Le conseguenze dell’annullamento della sentenza Roe v. Wade

Senatore statunitense Mark Warner,

L’annullamento della sentenza Roe v. Wade da parte della Corte Suprema ha aumentato la pressione sulle aziende tecnologiche affinché prendano provvedimenti in modo che i loro dispositivi e servizi digitali non possano essere utilizzati per seguire le donne che cercano aborti o guidarle in direzioni che potrebbero minacciare la loro salute.

All’inizio di questo mese, Google ha annunciato che eliminerà automaticamente le informazioni sugli utenti che visitano le cliniche per l’aborto o altri luoghi che potrebbero innescare problemi legali alla luce della sentenza della Corte Suprema.

Ma alcuni membri del Congresso hanno spinto Google a limitare la comparsa di centri per la gravidanza contro l’aborto nei risultati del suo influente motore di ricerca, un passo che giovedì 17 procuratori generali repubblicani avrebbero esposto l’azienda a potenziali ripercussioni legali.

17 procuratori generali repubblicani avvertono la società che ciò potrebbe invitare indagini e possibili azioni legali

“Reprimere le voci pro-vita e pro-madre su sollecitazione dei funzionari governativi violerebbe il principio più fondamentale del mercato americano delle idee”, ha scritto giovedì il procuratore generale in una lettera a Sundar Pichai, CEO di Google e della sua società madre.

Lo sforzo è stato guidato dal procuratore generale repubblicano della Virginia Jason Miyares e dal procuratore generale del Kentucky Daniel Cameron, e la lettera è stata condivisa con l’Associated Press prima del suo rilascio pubblico.

I repubblicani hanno contestato una lettera del 17 giugno alla società del senatore statunitense Mark Warner, D-Virginia, e della rappresentante Elissa Slotkin, D-Michigan, che è stata co-firmata da altri 19 membri del Congresso.

I problemi evidenziati dalla lettera

La lettera citava una ricerca del Center for Countering Digital Hate senza scopo di lucro, che ha rilevato che le ricerche su Google di “clinica per l’aborto vicino a me” e “pillola abortiva” hanno prodotto risultati per centri che consigliano ai clienti di non

Procuratore generale repubblicano della Virginia Jason Miyares

abortire.
Alcuni di questi luoghi, noti come centri di gravidanza di crisi, sono stati anche accusati di fornire informazioni fuorvianti sull’aborto e sulla contraccezione. Molti sono religiosamente affiliati.

“Dirigere le donne verso false cliniche che trattano disinformazione e non forniscono servizi sanitari completi è pericoloso per la salute delle donne e mina l’integrità dei risultati di ricerca di Google“, si legge nella lettera di giugno, scritta dopo la fuga di una bozza di parere che indica il La Corte Suprema degli Stati Uniti annullerebbe la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto a livello nazionale. La corte ha fatto quel passo il 24 giugno.

Le richieste

Il gruppo guidato dai Democratici ha chiesto a Google di indicare quali misure avrebbe preso per limitare la comparsa di “centri di gravidanza in crisi” nei risultati di ricerca, annunci e mappe per gli utenti che cercano “clinica per l’aborto”, “pillola abortiva” o altri simili termini.

Il gruppo ha anche chiesto alla società se volesse aggiungere dichiarazioni di non responsabilità per affrontare se una clinica prevede o meno aborti. Anche l’ufficio del procuratore generale di New York Letitia James ha sollevato preoccupazioni simili in una lettera separata di giugno a Google.

La lettera degli AG repubblicani difende il lavoro dei centri di gravidanza in crisi. Rileva che tali centri spesso forniscono servizi come ultrasuoni gratuiti, test di gravidanza, test per malattie sessualmente trasmissibili e corsi di educazione prenatale e genitoriale. Sostiene inoltre che “almeno alcuni” utenti di Google che cercano informazioni sull’aborto si aspettano di trovare informazioni sulle alternative.

Hanno scritto che se la società rispettasse “questa richiesta inappropriata” di “diviare” i suoi risultati di ricerca, i loro uffici avrebbero risposto indagando se ci fosse stata violazione delle leggi antitrust o sulla discriminazione religiosa. Si sono inoltre impegnati a valutare se la nuova legislazione possa aiutare a “proteggere i consumatori e i mercati”. pressione politica, che danneggerebbe attivamente le donne che cercano assistenza essenziale. In caso contrario, dobbiamo avvalerci di tutti i mezzi leciti e appropriati per proteggere i diritti dei nostri elettori, per sostenere la diversità di punti di vista, la libera espressione e la libertà di religione per tutti gli americani e per assicurarci che i nostri mercati siano liberi in fatto, non solo in teoria”, diceva la lettera.

Ha chiesto alla società con sede in California di rispondere entro 14 giorni e spiegare se ha adottato o intende adottare misure per trattare i centri di gravidanza in crisi in modo diverso rispetto a prima della fuga del progetto di decisione della Corte Suprema.

Google non ha risposto alle richieste di commento giovedì

Un portavoce della Warner ha affermato che il senatore non aveva ricevuto risposta alla lettera di giugno. Ma Imran Ahmed, CEO del Center for Countering Digital Hate, ha affermato che la sua organizzazione ritiene che Google abbia recentemente apportato un piccolo cambiamento in risposta alla sua ricerca.

Nei casi di ricerca di “clinica per aborti vicino a me”, la società sembra aver cambiato il titolo dei risultati delle mappe per dire “Luoghi” invece di “Clinica per aborti”, secondo il centro, che monitora la disinformazione online.
Miyares, che ha sconfitto il democratico in carica Mark Herring a novembre, si è recentemente recata in un centro di gravidanza in crisi di Lynchburg che è stato vandalizzato dopo la sentenza della Corte Suprema, condannando quello che ha definito un atto di “violenza politica”.

Google e altre società Big Tech hanno anche affrontato recenti richieste di controlli sulla privacy più rigorosi per affrontare i timori che le informazioni su posizione, testi, ricerche ed e-mail potrebbero essere utilizzate contro persone che cercano di porre fine a gravidanze indesiderate.

Google ha annunciato questo mese che avrebbe automatizzato eliminare in modo efficace le informazioni sugli utenti che visitano le cliniche per l’aborto o altri luoghi che potrebbero innescare problemi legali alla luce della sentenza dell’alta corte.

La Redazione

Lascia una risposta
Skip to content