International Newspaper

Covid Italia, Pregliasco: “Fiammata JN.1 superata, ma ogni 4-6 mesi nuove varianti”

(Adnkronos) – "In questa stagione di infezioni respiratorie abbiamo avuto una tempesta perfetta, un cocktail di virus tra cui l'influenza è stata ed è la principale protagonista". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute il virologo dell'università Statale di Milano Fabrizio Pregliasco, commentando i dati dell'ultimo bollettino settimanale: contagi più che dimezzati, morti scese di oltre un quarto. "Per Covid la fiammata, causata da nuove varianti come Eris" EG.5 "e, poi, JN.1, era cominciata prima. E pur avendo iniziato a contribuire alla curva complessiva disegnata dal monitoraggio RespiVirNet, era già in riduzione". Ora la fiammata è passata, ma va ricordato che "Covid non ha una stagionalità come l'influenza: indipendentemente dall'aspetto meteorologico, nuove varianti si inseriscono a distanza di 4-6 mesi". Bisogna comunque stare in guarda, esorta l'esperto, ribadendo che "l'onda Covid – come i cerchi che si formano attorno a un sasso gettato nello stagno – decresce, ma progressivamente". Fino al prossimo 'sasso', la prossima variante.  "Mi sembra ridicolo e penoso contestare un piano pandemico che mi pare assolutamente ragionevole" dice all'Adnkronos Salute Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università Statale di Milano, commentando le polemiche intorno alla bozza del Piano pandemico 2024-2028 predisposta dal ministero della Salute e al vaglio della Conferenza Stato-Regioni. "E' chiaro che in un piano pandemico deve essere previsto tutto un ventaglio di misure progressive, da adottare non facendo scattare automaticamente gli interventi più stringenti, ma in base al quadro che si presenta via via, in un'ottica di gradualità". Polemiche sterili secondo l'esperto, che coglie l'occasione anche per dire basta al "negazionismo a posteriori su quelle che sono state le scelte compiute nelle fasi più emergenziali della pandemia di Covid-19". "Quelle di sanità pubblica sono scelte sempre complicate e poco piacevoli", ribadisce il direttore sanitario dell'Irccs ospedale Galeazzi-Sant'Ambrogio di Milano. "Tutela della salute, tutela dell'economia e tutela degli aspetti psicologici e sociali sono tre elementi difficili da equilibrare", riflette. "Le decisioni finali spettano ai politici – precisa – chiamati a trovare una mediazione che necessariamente finisce per privilegiare un aspetto piuttosto che un altro, o uno più degli altri". L'attuazione del nuovo piano, sottolinea Pregliasco, dipenderà anche dalla natura del prossimo patogeno pandemico che "chissà quale sarà. Ci si aspetta una 'malattia X', ma è impossibile prevederne le caratteristiche". Covid-19 ce lo ha insegnato: "Avevamo piani orientati più sull'influenza e sulle sue peculiarità, poi è arrivato il coronavirus Sars-CoV-2 con caratteristiche diverse e nuove, e ci ha spiazzati. Ricordiamocelo questo aspetto di ignoranza, di difficoltà, di decisioni che abbiamo dovuto prendere in emergenza – ripete il medico – e che magari a posteriori, come tutte le scelte della vita, ci possono apparire non ottimali" ragionando col senno di poi. Farlo non ha senso, è il messaggio. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Lascia una risposta
Skip to content