International Newspaper

Protesta agricoltori assedia l’Europa, trattori bloccano il confine tra Belgio e Olanda

(Adnkronos) – Non si ferma l'ondata di proteste degli agricoltori in Europa. Le autorità locali hanno riferito questa mattina al Guardian che diversi valichi di frontiera tra Belgio e Olanda sono stati bloccati, dopo il giovedì nero con l'assedio a Bruxelles. Rientrata, invece, la protesta nella capitale belga. Marc Fesneau , ministro francese dell’Agricoltura, ha detto che gran parte della crisi è alle nostre spalle, ma che restano ancora da risolvere i nodi che hanno fatto scattare la protesta. "Gli agricoltori svolgono un ruolo essenziale nella società europea" ha detto la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ieri a Bruxelles, incontrando i rappresentanti delle organizzazioni degli agricoltori, insieme ai primi ministri dei Paesi Bassi e del Belgio. "Sono attori chiave nell'assicurare l'uso sostenibile delle risorse naturali e contribuiscono positivamente al nostro commercio estero. Hanno dimostrato una notevole resilienza, ma restano delle sfide. Possono contare sul sostegno dell'Europa". La categoria può contare su "390 miliardi di euro dalla Politica agricola comune – continua -, nel 2023 l'Ue ha dato assistenza straordinaria per oltre 500 milioni di euro agli agricoltori più colpiti dalla crisi. Naturalmente, dobbiamo difendere gli interessi legittimi dei nostri agricoltori negli accordi commerciali. Lavoreremo con la presidenza belga su una proposta per ridurre gli oneri amministrativi" che pesano sulle imprese del settore primario. 
Per "proteggere i ricavi" degli agricoltori europei "serve un'Europa più forte", specie nei confronti della grande distribuzione, che ha un potere molto forte sul mercato. Lo sottolinea il presidente francese Emmanuel Macron, che ha dedicato buona parte della conferenza stampa finale del Consiglio Europeo ai temi dell'agricoltura, alla luce delle proteste degli agricoltori, particolarmente forti in Francia, dove il settore primario ha un peso importante. "Ho chiesto alla presidente della Commissione Europea – afferma – di lavorare alla revisione strategica, per assicurare a livello europeo che non ci sia un aggiramento" delle norme francesi da parte di "centrali d'acquisto" poste fuori dai confini nazionali. "Abbiamo visto in questi ultimi anni che determinati distributori si sono organizzati a livello europeo con centrali d'acquisto e che, mediante queste ultime, cercano di aggirare la legge francese". In fondo, "occorre un'Europa più forte e più concreta, per tutelare i redditi dei nostri agricoltori", che vogliono "poter vivere del loro lavoro", producendo "alimenti di qualità". Il governo francese vuole inserire in una legge l'obiettivo della sovranità alimentare come ha annunciato il primo ministro Gabriel Attal. "Vogliamo essere sovrani, sovrani per coltivare, sovrani per raccogliere", ha detto Attal, spiegando che l'obiettivo è mantenere l'autonomia" dell'agricoltura francese, pur mantenendo il legame con l'estero. La parola d'ordine, ha dichiarato, è "produrre e proteggere". Attal ha anche promesso uno stanziamento di due miliardi di euro per prestiti agli agricoltori e un impegno di 150 milioni di euro per ridurre il carico fiscale degli agricoltori. Dal ministro dell'economia Bruno le Maire arriva la promessa di controlli a tappeto sulle catene di supermercati per reprimere eventuali frodi sulla legge Egalim per la protezione dei redditi degli agricoltori, ma anche per verificare che i prodotti venduti come d'origine francese lo siano veramente. Parigi si oppone, inoltre, al trattato commerciale fra l'Ue e i paesi latino americani del Mercosur. "La Francia non intende accettare questo trattato" ha dichiarato il primo ministro. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Lascia una risposta
Skip to content