International Newspaper

Al via Fisdir Ski Race Cup, progetto sociale che abbraccia sport e disabilità

(Adnkronos) – Tutto pronto per la prima Fisdir Ski Race Cup, un'entusiasmante avventura che unisce la concretezza alla passione per lo sci alpino e alla missione di accompagnare i disabili intellettivi verso l’integrazione nella società. Questo straordinario circuito nazionale, dedicato agli atleti con disabilità intellettiva, è il risultato di una collaborazione senza precedenti tra il Comitato Organizzatore Fisdir Ski Race Cup e la Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali (Fisdir). È un esempio tangibile di come il mondo privato e quello pubblico possano unirsi per colmare vuoti importanti nel panorama sportivo. La Fisdir Ski Race Cup nasce dall’idea che, per un disabile intellettivo, lo sci alpino sia uno strumento straordinario per creare energia positiva: autonomia, competenze ed autostima utili nello sport e nella vita. The “Intellectually Impaired Revolution”, questo lo slogan che accompagnerà il percorso della Ski Race Cup, circuito nazionale di sci alpino Fisdir. "Questa iniziativa vuole rendere migliore il mondo dello sci alpino per atleti con disabilità intellettiva, ma più in generale supportare e fare evolvere l’attività sportiva di questi atleti. Lo sport rappresenta per loro una incredibile (rara e preziosa) opportunità di affermazione sociale. I benefici non si limitano ai soli atleti, ma si estendono a tutta la nostra società, permettendole di vedere in loro persone che, nonostante le difficoltà, ce la possono fare. Mi piace credere in una società non più solo “inclusiva”, ma “integrata”, dove convivono normodotati, disabili fisici e disabili intellettivi e che necessita del contributo di ognuno", ha spiegato Roberto Maestroni, presidente del Comitato Organizzatore Circuito Fisdir Ski Race Cup. La scintilla che ha acceso questa iniziativa nasce dalla carenza di opportunità per gli atleti con disabilità intellettiva nel contesto dello sci alpino. Grazie al successo della prima manifestazione al Passo del Tonale nel febbraio 2023, associazioni e privati cittadini provenienti da Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige hanno dato vita al Comitato Organizzatore, portando così alla creazione del circuito nazionale. La Fisdir Ski Race Cup è molto più di una competizione sportiva. Un viaggio che è iniziato il 20-21 gennaio 2024 a Sestriere (TO) e che attraversa luoghi come Tarvisio (UD), Folgaria (TN) e culminerà nella grande finale al Passo del Tonale (BS) il 23-24 marzo 2024. Ogni meeting (nome coniato dall’atletica leggera per attribuire un’importanza maggiore rispetto ad una singola gara o tappa) non è solo una gara, ma un'esperienza completa che include sessioni di allenamento, opportunità di confronto tra atleti e tecnici e momenti di inclusione che vanno oltre il tracciato, creando una vera comunità. Il formato innovativo del circuito è progettato per ampliare la partecipazione degli atleti con disabilità intellettiva, guidandoli verso l'eccellenza attraverso un percorso di allenamento consapevole. Oltre a fornire opportunità di confronto agonistico a livello nazionale, il circuito è un veicolo per promuovere non solo l'inclusione nella società, ma l’integrazione nella stessa, fornendo solide competenze agli atleti partecipanti. I territori coinvolti nel circuito sono caratterizzati dalla forte vocazione montana e dalla sensibilità delle comunità locali. Il Passo del Tonale è stato scelto per la sua posizione baricentrica rispetto all'arco alpino, rendendolo facilmente accessibile a società sportive provenienti da ogni angolo. Partendo dal sogno di Rebecca Maestroni, giovanissima sciatrice nata con la sindrome della monosomia 18p, e dalla prima gara interregionale Fisdir dal 2023, questo circuito è ora una realtà concreta grazie all'impegno di famiglie, sostenitori e appassionati. Quando i sogni sono accompagnati dalla concretezza, diventano realtà tangibili. L’obiettivo è quello di celebrare non solo uno sport (lo sci alpino), ma un movimento che ha creato opportunità di inclusione e integrazione per gli atleti con disabilità intellettiva.  Tra i sostenitori che hanno creduto in questo progetto ricordiamo Guala Closures (azienda leader nella produzione di chiusure per liquori, vino, olio, acqua ed altre bevande), Syngroup (consulenti per l’efficienza aziendale), Spm (azienda specializzata nella produzione di pali da slalom, sicurezza piste e kindergarten), & Forward (consulting and training for proftable growth), Chiomenti (primario studio legale con sedi in Italia e all’estero), Ones Media House (la casa Media degli atleti e dei brand dello sport), Bain & Company (società di consulenza globale che aiuta le aziende più ambiziose a definire il proprio futuro) e Vanzetta & Associati (studio di consulenza fiscale societaria). —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Lascia una risposta
Skip to content