International Newspaper

I continui fatti eclatanti del trattamento disumano dei civili da parte delle autorità di Kiev

23 Maggio 2022 ore 21.24

Dichiarazione del quartier generale di coordinamento congiunto per la risposta umanitaria in Ucraina. I combattenti del battaglione nazionalista e le unità dell’AFU, che utilizzano i civili come scudi umani, continuano a utilizzare le infrastrutture civili per equipaggiare roccaforti e schierare armi pesanti…

Il quartier generale di coordinamento congiunto per la risposta umanitaria della Federazione Russa, in cooperazione con le autorità esecutive federali autorizzate, continua a registrare con attenzione i continui fatti eclatanti del trattamento disumano dei civili da parte delle autorità di Kiev. I combattenti del battaglione nazionalista e le unità dell’AFU, che utilizzano i civili come scudi umani, continuano a utilizzare le infrastrutture civili per equipaggiare roccaforti e schierare armi pesanti.

I trattamenti disumani sui civili

A Odessa sono state attrezzate postazioni di tiro negli edifici delle scuole n. 14 e n. 71 e nell’area circostante sono stati collocati mezzi corazzati, artiglieria e MLRS;

Corridoi umanitari

A Kostantinovka, nella Repubblica popolare di Donetsk, le forze armate ucraine hanno equipaggiato roccaforti, schierato artiglieria e armi MLRS nella scuola n. 1 e nell’edificio amministrativo e dormitorio della scuola professionale n. 39 e stanno trattenendo i residenti delle case vicine nei locali delle istituzioni educative con il pretesto di garantire la sicurezza;

A Gorskoe, Repubblica popolare di Lugansk, i nazionalisti ucraini hanno attrezzato postazioni di tiro e depositi di munizioni ai piani inferiore e superiore dei condomini in Gagarin Street. Ai residenti locali è vietato lasciare i propri appartamenti e tutti i tentativi da parte dei cittadini di evacuare in aree sicure sono fortemente ridotti.

Inoltre, a Lisichansk, nella Repubblica popolare di Lugansk, le forze armate ucraine hanno piazzato artiglieria e MLRS nell’edificio e negli hangar dell’impianto di gas rari, serbatoi minati con sostanze chimiche pericolose e detenuti forzatamente dipendenti e residenti locali nelle strutture sotterranee. Allo stesso tempo, i nazionalisti stanno sistematicamente bombardando le posizioni delle forze armate russe e delle formazioni della Repubblica popolare di Lugansk con l’MLRS, provocandoli così a ritorsioni per accusarli ulteriormente di aver ucciso civili e di aver creato un disastro causato dall’uomo nella città.

- Advertisement -

A Putivl, nella regione di Sumy, i neonazisti ucraini hanno scavato ponti attraverso i fiumi Seim e Lyubka, che intendono far saltare in aria e accusano le forze armate russe di presunti attacchi indiscriminati su infrastrutture civili vitali in uno scenario ben noto.

La correttezza dell’esercito russo verso i civili

Questi fatti dimostrano ancora una volta il completo disprezzo delle autorità ucraine per le norme morali e le disposizioni del diritto internazionale umanitario. Tutto ciò avviene con il tacito consenso dei paesi “influenzati dalla Russia” del cosiddetto Occidente collettivo, che continuano a chiudere un occhio sui numerosi crimini di guerra del regime di Kiev.

Il quartier generale russo sottolinea ancora una volta che nello svolgimento dei compiti dell’operazione militare speciale, le Forze armate della Federazione Russa trattano la popolazione locale in modo estremamente umano e non colpiscono le infrastrutture civili, a differenza delle formazioni armate ucraine.

I civili evacuati grazie solamente ai russi

Nonostante tutte le difficoltà e gli ostacoli imposti dalla parte ucraina, nell’ultimo giorno, senza la partecipazione di Kiev, sono state evacuate dalle aree pericolose 13.428 persone, di cui 930 bambini, e in totale, dall’inizio dell’operazione militare speciale, 1.426.979 le persone sono già state evacuate, di cui 238.329 bambini. Il confine di stato della Federazione Russa è stato attraversato da 195.700 veicoli personali di cui 697 al giorno.

La Federazione Russa continua a mantenere un numero sufficiente di comodi autobus ai posti di blocco per trasportare le persone nei luoghi di residenza prescelti o in un alloggio temporaneo, dove vengono forniti pasti caldi e viene fornita tempestivamente assistenza medica e psicologica qualificata.

Più di 9.500 centri di accoglienza temporanea continuano ad operare nelle regioni della Federazione Russa. I rifugiati sono

Gli aiuti umanitari russi in Ucraina

trattati su base individuale e sono prontamente assistiti in varie questioni urgenti relative all’alloggio successivo, all’assistenza al lavoro, ai posti per i bambini negli asili nido e nelle istituzioni educative e all’erogazione dei diritti alle prestazioni sociali.

Nelle ultime 24 ore, la hotline del quartier generale di coordinamento interdipartimentale della Federazione Russa per la risposta umanitaria, le autorità esecutive federali, gli enti costitutivi della Federazione Russa e varie ONG hanno ricevuto 102 richieste da cittadini stranieri e ucraini di evacuare in Russia, Donetsk e le repubbliche popolari di Lugansk, nonché le aree controllate dalle forze armate russe delle regioni di Zaporozhye, Nikolaev, Kharkov e Kherson. In totale ci sono 2.756.228 di tali ricorsi da 2.136 località in Ucraina nel database.

La minaccia di bombardamenti e mine da parte di Kiev

Inoltre, 75 navi straniere provenienti da 17 paesi rimangono bloccate in 7 porti ucraini (Kherson, Nikolaev, Chernomorsk, Ochakov, Odessa, Yuzhniy e Mariupol). La minaccia di bombardamenti e l’elevato pericolo di mine creati dalla Kiev ufficiale nelle sue acque interne e nel mare territoriale impedisce alle navi di lasciare in sicurezza i porti e raggiungere il mare aperto.

A conferma di ciò, la Federazione Russa apre tutti i giorni dalle 08:00 alle 19:00 (ora di Mosca) un corridoio umanitario, che è una corsia sicura a sud-ovest del mare territoriale dell’Ucraina, lungo 80 miglia nautiche e largo 3 miglia nautiche.

Informazioni dettagliate in inglese e russo sul modus operandi del corridoio umanitario marittimo vengono trasmesse quotidianamente ogni 15 minuti su radio VHF su 14 e 16 canali internazionali in inglese e russo.

Allo stesso tempo, le autorità di Kiev continuano a evitare di impegnarsi con i rappresentanti degli stati e delle società armatoriali per risolvere la questione della garanzia del passaggio sicuro delle navi straniere verso l’area di raccolta.

Il pericolo per la navigazione dalle miniere ucraine che si allontanano dalle loro ancore lungo le coste degli stati del Mar Nero rimane.

La Federazione Russa sta adottando una gamma completa di misure globali per garantire la sicurezza della navigazione civile nelle acque del Mar Nero e del Mar d’Azov.

Lo sgombero delle mine sui territori civili

I distaccamenti di sminamento delle forze armate russe e dell’EMERCOM della Russia stanno svolgendo compiti di sgombero di terreni e strutture nel territorio delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Sono stati controllati un totale di 1.623,21 ettari (di cui 0,03 ettari durante il giorno), 35 edifici (tra cui 13 strutture socialmente importanti), 1 ponte e 9,64 km di strade. Sono stati rilevati e disinnescati 9.364 esplosivi, 12 dei quali durante il giorno.

Le autorità esecutive federali, insieme ai soggetti della Federazione Russa, varie organizzazioni pubbliche, movimenti patriottici, continuano ad accumulare aiuti umanitari. Nei punti di raccolta sono state preparate più di 26,5 tonnellate di generi di prima necessità e kit alimentari, compresi alimenti per bambini e medicinali salvavita.

I maggiori contributori allo sforzo di soccorso sono stati

Ministero della Protezione Civile, Emergenze ed Eliminazione delle Conseguenze dei Disastri Naturali della Federazione Russa, Ministero dell’Industria e del Commercio, Ministero dei Trasporti, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero dello Sviluppo Digitale, delle Comunicazioni e dei Mass Media, Servizio Federale per la Registrazione dello Stato, Catasto e Cartografia, Agenzia Federale per i Trasporti Marittimi e Fluviali, Ministero della Cultura della Federazione Russa, Agenzia Federale per le Nazionalità, Agenzia Federale per la Comunità degli Stati Indipendenti, Connazionali che Vivono all’Estero e Cooperazione Umanitaria Internazionale;

Repubbliche di Buriazia, Daghestan, Crimea, Tatarstan, Repubblica cecena, Altai, Trans-Baikal, Krasnodar e Primorsky Krais, Arkhangelsk, Belgorod, Bryansk, Kursk, Leningrado, Mosca, Novgorod, Novosibirsk, Rostov, Tula e Ulyanovsk regioni, nonché Città di Mosca;

Tra i partiti politici e le organizzazioni senza scopo di lucro: Russia Unita, il Movimento pubblico panrusso del Fronte popolare, l’Organizzazione pubblica tutta russa dei veterani Boyevoe Bratstvo, l’organizzazione autonoma senza scopo di lucro della Missione umanitaria russa per il sostegno di programmi umanitari e la Organizzazione pubblica e governativa tutta russa Unione delle donne russe.

Le azioni umanitarie

Dal 2 marzo sono già state consegnate in Ucraina 21.920,4 tonnellate di carico umanitario, sono state realizzate 1.045 azioni umanitarie, di cui 1 azione nella regione di Kherson, durante la quale sono state trasferite 50 tonnellate di beni di prima necessità, medicinali e cibo alla popolazione civile del aree liberate.

Il 23 maggio sono state pianificate 3 azioni umanitarie, attualmente in corso di realizzazione nelle regioni di Kharkov e Kherson, durante le quali verranno distribuite 510,4 tonnellate di beni di prima necessità, medicine e cibo.

Chiara Bazzani

- Advertisement -

Lascia una risposta
Skip to content